Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Esplosione a Liverpool: il sospetto è "Enzo Almeni", ex richiedente asilo giordano

© Sputnik . Alexey Filippov / Vai alla galleria fotograficaIl Palazzo di Westminster a Londra, dove si riunisce il Parlamento del Regno Unito
Il Palazzo di Westminster a Londra, dove si riunisce il Parlamento del Regno Unito - Sputnik Italia, 1920, 16.11.2021
Seguici su
Dopo che il governo del Regno Unito ha tenuto una riunione del Cobra* lunedì 15 novembre, il ministro degli Interni Priti Patel ha annunciato che il livello ufficiale di minaccia del terrorismo nel paese è stato elevato da "sostanziale" a "grave", in seguito all'esplosione di domenica a Liverpool.
La polizia antiterrorismo del Regno Unito ha indicato Emad al-Swealmeen, un richiedente asilo mediorientale con possibili problemi di salute mentale, come il sospetto terrorista che si è fatto esplodere domenica fuori dall'ospedale femminile di Liverpool, secondo quanto riportato da Sky News.
L'ispettore capo Andrew Meeks, della polizia antiterrorismo nord-occidentale, ha affermato:

"Le indagini sono ancora in corso, ma in questa fase crediamo con fermezza che il defunto sia il 32enne Emad Al-Swealmeen".

Secondo il reparto dell'Antiterrorismo della polizia del Nord Ovest, Al-Swealmeen, che risiedeva in una casa in Sutcliffe Street, aveva recentemente affittato una proprietà in Rutland Avenue, vicino a Sefton Park. Sono in corso le ricerche ad entrambi gli indirizzi.
"Il nostro obiettivo è l'indirizzo di Rutland Avenue, dove abbiamo continuato a recuperare elementi significativi", ha affermato DCI Meeks.
La polizia ha lanciato un appello al pubblico per qualsiasi informazione sull'incidente, dichiarato un attacco terroristico, dopo aver rivelato il nome del sospettato. Fonti ufficiali avevano precedentemente confermato all'agenzia di stampa della PA che il sospetto non era precedentemente noto ai servizi di sicurezza.

Il richiedente asilo rifiutato

Si ritiene che Al-Swealmeen si sia convertito al cristianesimo dopo essersi trasferito nel Regno Unito dal Medio Oriente, secondo il Daily Mail. Secondo quanto riferito, all'uomo era stato brevemente offerto rifugio dai volontari cristiani Malcolm ed Elizabeth Hitchcott a Liverpool.

“È venuto per la prima volta nella cattedrale nell'agosto 2015 e voleva convertirsi al cristianesimo. Ha seguito un corso Alpha, che spiega la fede cristiana, e lo ha completato nel novembre di quell'anno. Ciò gli ha permesso di prendere una decisione informale e di convertirsi dall'Islam al cristianesimo e di essere confermato come cristiano da almeno marzo 2017, poco prima di venire a vivere con noi. Era indigente in quel momento e lo abbiamo accolto", ha detto Hitchcott.

Si ritiene che il profilo Facebook dell'ufficiale dell'esercito britannico in pensione mostri una foto del sospettato in posa accanto alla coppia diversi anni prima. Un'altra immagine mostrerebbe Al-Swealmeen durante un servizio nella cattedrale anglicana di Liverpool.
Hitchcott è stato citato dalla pubblicazione per aver affermato che Al-Swealmeen aveva cambiato il suo nome sulla sua domanda di asilo in Enzo Almeni, in onore della leggenda delle corse automobilistiche italiane Enzo Ferrari, per sembrare più occidentale. La richiesta originale di asilo non era andata a buon fine nel 2014, poiché i funzionari credevano che l'uomo fosse giordano e non siriano, come affermato, secondo i rapporti.
Secondo Hitchcott, "Almeni" era stato arrestato per possesso di un "grosso coltello" dopo il rigetto della sua richiesta di asilo, che lo ha portato a essere segnalato ai sensi del Mental Health Act e ricoverato in ospedale per un certo numero di mesi.
La coppia, scioccata, ha descritto il sospettato dell'esplosione come "un tipo molto tranquillo" e ha affermato di non aver mai "pensato che vi fosse qualcosa di sbagliato".
Circa il fatto che al sospettato non fosse stato concesso il permesso di rimanere permanentemente nel Regno Unito, una fonte citata da The Sun riporta:

Uno dei problemi esaminati è se questo risentimento irrisolto lo abbia spinto oltre il limite e lo abbia portato a compiere l'attacco".

L'esplosione a Liverpool

Gli agenti dell'antiterrorismo britannici ritengono che il sospettato abbia portato con sé una bomba fatta in casa su un taxi e abbia chiesto di essere portato in ospedale poco prima delle 11 di domenica. La sua motivazione non è ancora chiara. La cattedrale anglicana di Liverpool, che è stata sede di un servizio per il 'Giorno della Memoria', a cui hanno partecipato personale militare, veterani e dignitari civici, è a meno di un miglio dall'ospedale. Alcuni rapporti iniziali suggerivano che avrebbe potuto essere l'obiettivo originale, ma erano intervenute chiusure al traffico e alle strade.
L'uomo è stato prelevato nella zona di Rutland Avenue dal tassista David Perry. Quando l'auto ha raggiunto il punto di consegna dei passeggeri dell'ospedale, è esplosa. Il filmato della CCTV mostra l'autista del taxi, Perry, uscire dal veicolo, mentre viene aiutato da un uomo corso in suo aiuto.
Perry è stato curato in ospedale per le ferite riportate ed è poi stato dimesso. Russ Jackson, capo del reparto dell'Antiterrorismo della polizia del Nord Ovest, ha parlato con un Perry "scosso e ferito", ma non ha ancora ricevuto il suo resoconto completo di quanto accaduto.
Jackson ha aggiunto di non poter confermare i rapporti, secondo cui Perry avrebbe chiuso a chiave le porte del taxi prima dell'esplosione, un dettaglio che aveva portato molti a lodare il locale di Liverpool come un "eroe". Quattro uomini sono stati arrestati in relazione all'esplosione, ma da allora sono stati rilasciati dalla custodia dopo gli interrogatori, ha affermato la polizia.
"In seguito agli interrogatori con gli uomini arrestati, siamo soddisfatti dei resoconti che hanno fornito e che sono stati rilasciati dalla custodia della polizia. Le indagini continuano a muoversi a ritmo sostenuto con squadre investigative che lavorano per tutta la notte", ha affermato l'assistente capo della polizia Russ Jackson.
Sulla scia dell'incidente, il livello di minaccia terroristica del Regno Unito è stato aumentato da "sostanziale" a "grave", il che significa che un attacco è giudicato "altamente probabile".
Il primo ministro britannico Boris Johnson, parlando in una conferenza stampa a Downing Street, ha affermato che l'esplosione a Liverpool è stata un "severo monito" a rimanere vigili:
"Ciò che ieri ha dimostrato soprattutto è che il popolo britannico non sarà mai intimidito dal terrorismo, non cederemo mai a chi cerca di dividerci con atti di violenza insensati. E le nostre libertà e il nostro stile di vita prevarranno sempre".
* Cobra: Il Cabinet Office Briefing Rooms (COBR) è la sala riunioni del Cabinet Office di Londra. Questa sala è utilizzata per comitati che coordinano le azioni degli organi di governo in risposta a crisi nazionali o regionali, o durante eventi all'estero con importanti implicazioni per il Regno Unito. Viene comunemente chiamato COBRA.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала