Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Contagi record in Danimarca, secondo esperto potrebbero aumentare ancora

© Sputnik . Vladimir Pesnya / Vai alla galleria fotograficaVeduta di Copenhagen
Veduta di Copenhagen - Sputnik Italia, 1920, 16.11.2021
Seguici su
Nonostante abbia vaccinato l'88% della sua popolazione adulta, la Danimarca sta assistendo a un forte aumento delle infezioni, che, pur non essendo accompagnato da un proporzionale aumento dei decessi, ha spinto il governo a revocare alcune delle restrizioni e reintrodurre i passaporti COVID.
La Danimarca sta attualmente registrando il maggior numero di nuove infezioni da COVID-19 dall'inizio del 2021, secondo i nuovi dati dello State Serum Institute (SSI). Il 15 novembre, il SSI ha annunciato 3.670 nuovi casi, la cifra più alta dal 18 dicembre 2020, quando sono stati segnalati 4.508 nuovi casi. Lo stesso giorno, i decessi attribuiti al COVID sono stati 5, secondo le stesse fonti.
L'epidemia sta crescendo in tutto il Paese. Il peggio è nella regione della capitale, ma "la crescita del tasso di infezione in altre regioni ora supera la crescita nella regione della capitale", ha affermato la portavoce di SSI Rebecca Legarth.
Creative rendition of SARS-COV-2 virus particles - Sputnik Italia, 1920, 15.11.2021
Nuova variante del ceppo Delta Covid-19 identificata in Norvegia
Secondo il rapporto, i tassi di infezione sono più alti tra i giovani non vaccinati (12-19 anni) e gli scolari (6-11 anni).
Secondo il Centro europeo per il controllo delle malattie (ECDC), l'aumento dell'incidenza in Danimarca si è verificato dopo il successo dell'introduzione del vaccino: oltre l'88% della popolazione adulta del paese è completamente vaccinata.
Ulteriori dati SSI hanno rivelato che anche la quota di nuovi casi tra le persone che sono state completamente vaccinate è in aumento. Le 38.587 infezioni tra le persone vaccinate hanno portato finora a 1.231 ricoveri e 158 decessi.
Complessivamente, lo 0,93 percento dei completamente vaccinati è stato infettato.
Secondo il professore dell'Università di Aarhus, Lars Østergaard, primario dell'ospedale universitario di Aarhus, è probabile che il numero dei contagiati aumenti ulteriormente. Ciò è dovuto al fatto che ci vorrà del tempo prima che le misure rinnovate per il COVID ottengano l'effetto desiderato, ha riferito TV2.
Gamla Stan, a Stoccolma, in Svezia - Sputnik Italia, 1920, 15.11.2021
Svezia, l'epidemiologo di Stato attribuisce agli immigrati la causa dell’alto numero di morti COVID
Solo due mesi fa, la Danimarca era diventata il primo Paese europeo a revocare tutte le restanti restrizioni nazionali sul coronavirus, poiché il governo aveva annunciato che il COVID-19 non era più una "malattia critica per la società".
Tuttavia, l'ottimismo di metà settembre è apparso di breve durata, poiché la nazione sta ora lottando con l'aumento delle infezioni, che sono balzate di oltre un ordine di grandezza dai 200 casi di settembre agli oltre 3.000 di oggi.
Il drastico picco ha spinto la Danimarca a revocare alcune delle misure, incluso il requisito del passaporto COVID nei luoghi al chiuso con una capacità di 200 persone, ma anche tutti i ristoranti, i locali notturni e i luoghi frequentati da persone vulnerabili, come ospedali e centri di cura.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала