Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'assist di Berlusconi a Draghi "Con lui fino al 2023 e oltre"

© AP Photo / Alessandra TarantinoБывший премьер-министр Италии Сильвио Берлускони машет репортерам в Риме
Бывший премьер-министр Италии Сильвио Берлускони машет репортерам в Риме  - Sputnik Italia, 1920, 14.11.2021
Seguici su
Per l'ex premier la permanenza di Mario Draghi a Palazzo Chigi è una condizione necessaria per "consolidare l'inizio della ripresa".
Avanti con Draghi a Palazzo Chigi fino al 2023. Le parole pronunciate da Silvio Berlusconi in collegamento telefonico con la manifestazione di Forza Italia a Mazara del Vallo, in Sicilia, non lasciano spazio ad interpretazioni ed escludono l’eventualità di un ritorno anticipato alle urne, magari per il trasloco dell’attuale premier al Quirinale.
"Siamo convinti che il lavoro del governo Draghi debba andare avanti fino al 2023 e anche oltre, per consolidare l’inizio della ripresa che è ancora molto fragile ed esposta a molti rischi", ha detto il Cavaliere che sottolinea i risultati ottenuti in questi mesi. “Sono eccellenti”, dice, assicurando che il suo partito è tra “i primi sostenitori di questo governo che ha subito e continua a subire molte delle nostre proposte".
Tra i successi ci sono innanzitutto la campagna vaccinale e il green pass. Presupposti, spiega, per tenere il Paese aperto e sostenere la ripresa economica. Una ripresa che, dice Berlusconi, citato dal Giornale.it, “ha indicatori migliori di altri Paesi europei”.
Una volta portata a termine la legislatura, poi, sottolinea il Cav, “saranno gli italiani a scegliere e io credo a rinforzare al governo un centrodestra che per vincere e governare deve avere un forte profilo liberale". La stoccata è alle velleità "sovraniste" degli alleati.
“Sta a noi – ha proseguito Berlusconi - occupare il centro dello scenario politico, perché l’Italia ha bisogno di essere governata da un centro forte, alleato con la destra democratica”.
A sostenere l’idea di una coalizione che ruoti attorno a “valori democratici e liberali” è anche Carlo Calenda che auspica che l’esperienza di Draghi a Palazzo Chigi vada addirittura oltre il termine del 2023.
Per Il Messaggero, però, la volontà dei partiti di mantenere Draghi a tutti i costi al timone dell’esecutivo fino alla scadenza naturale della legislatura nasconderebbe il problema della difficoltà di dover eventualmente mettere assieme un nuovo esecutivo per scongiurare il rischio di elezioni anticipate in ogni caso. Anche se l'attuale premier dovesse accettare di andare al Quirinale.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала