Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Bielorussia-Polonia, tensione sui migranti al confine

Seguici su
Almeno duemila persone sono bloccate nei boschi al confine tra Bielorussia e Polonia, nel tentativo disperato di entrare nell'UE.
© Sputnik . Viktor Tolochko / Vai alla galleria fotografica

La guerra ibrida dei migranti rischia di trasformarsi così in scontro aperto.

La guerra ibrida dei migranti rischia di trasformarsi così in scontro aperto. - Sputnik Italia
1/11

La guerra ibrida dei migranti rischia di trasformarsi così in scontro aperto.

© Sputnik . Viktor Tolochko / Vai alla galleria fotografica

Secondo Bruxelles, la crisi sarebbe orchestrata dal leader bielorusso Alexander Lukashenko, come rappresaglia contro le sanzioni, ma il governo bielorusso respinge tutte le accuse.

Secondo Bruxelles, la crisi sarebbe orchestrata dal leader bielorusso Alexander Lukashenko, come rappresaglia contro le sanzioni, ma il governo bielorusso respinge tutte le accuse. - Sputnik Italia
2/11

Secondo Bruxelles, la crisi sarebbe orchestrata dal leader bielorusso Alexander Lukashenko, come rappresaglia contro le sanzioni, ma il governo bielorusso respinge tutte le accuse.

© Sputnik . Viktor Tolochko / Vai alla galleria fotografica

Il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha accusato Minsk di utilizzare i rifugiati per scopi politici, poiché si ritiene che le autorità bielorusse forniscano visti all'arrivo ai migranti privi di documenti e li facciano poi giungere ai confini dell'UE come ritorsione verso le sanzioni europee.

Il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha accusato Minsk di utilizzare i rifugiati per scopi politici, poiché si ritiene che le autorità bielorusse forniscano visti all'arrivo ai migranti privi di documenti e li facciano poi giungere ai confini dell'UE come ritorsione verso le sanzioni europee. - Sputnik Italia
3/11

Il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha accusato Minsk di utilizzare i rifugiati per scopi politici, poiché si ritiene che le autorità bielorusse forniscano visti all'arrivo ai migranti privi di documenti e li facciano poi giungere ai confini dell'UE come ritorsione verso le sanzioni europee.

© AFP 2021 / Leonid Shcheglov / BELTA

Minsk ha respinto le accuse, affermando che non può più contenere la migrazione verso i Paesi vicini a causa della mancanza di risorse causata dalle sanzioni occidentali contro il Paese.

Minsk ha respinto le accuse, affermando che non può più contenere la migrazione verso i Paesi vicini a causa della mancanza di risorse causata dalle sanzioni occidentali contro il Paese. - Sputnik Italia
4/11

Minsk ha respinto le accuse, affermando che non può più contenere la migrazione verso i Paesi vicini a causa della mancanza di risorse causata dalle sanzioni occidentali contro il Paese.

© Sputnik . Viktor Tolochko / Vai alla galleria fotografica

L'Unione Europea ha anche espresso solidarietà alla Polonia. "Sono arrivato per esprimere la mia solidarietà e la solidarietà dell'Unione Europea alla Polonia, che sta affrontando una crisi seria", ha detto il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel in una conferenza stampa congiunta con il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki a Varsavia.

L'Unione Europea ha anche espresso solidarietà alla Polonia. "Sono arrivato per esprimere la mia solidarietà e la solidarietà dell'Unione Europea alla Polonia, che sta affrontando una crisi seria", ha detto il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel in una conferenza stampa congiunta con il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki a Varsavia. - Sputnik Italia
5/11

L'Unione Europea ha anche espresso solidarietà alla Polonia. "Sono arrivato per esprimere la mia solidarietà e la solidarietà dell'Unione Europea alla Polonia, che sta affrontando una crisi seria", ha detto il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel in una conferenza stampa congiunta con il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki a Varsavia.

© AFP 2021 / Leonid Shcheglov / BELTA

Il Consiglio dell'UE ha già sospeso lo schema di facilitazione dei visti per gli esponenti delle autorità di Minsk e nei prossimi giorni potrebbe dare il via libera a nuove sanzioni.

Il Consiglio dell'UE ha già sospeso lo schema di facilitazione dei visti per gli esponenti delle autorità di Minsk e nei prossimi giorni potrebbe dare il via libera a nuove sanzioni. - Sputnik Italia
6/11

Il Consiglio dell'UE ha già sospeso lo schema di facilitazione dei visti per gli esponenti delle autorità di Minsk e nei prossimi giorni potrebbe dare il via libera a nuove sanzioni.

© AP Photo / Leonid Shcheglov/BelTA

La cancelliera tedesca uscente Angela Merkel ha confermato di aver chiesto al presidente russo Vladimir Putin di esercitare influenza sul leader bielorusso Alexander Lukashenko sulla crisi migratoria al confine della Bielorussia con i paesi dell'UE. Il colloquio telefonico tra la Merkel e Putin è avvenuto ieri, su iniziativa della parte tedesca.

La cancelliera tedesca uscente Angela Merkel ha confermato di aver chiesto al presidente russo Vladimir Putin di esercitare influenza sul leader bielorusso Alexander Lukashenko sulla crisi migratoria al confine della Bielorussia con i paesi dell'UE. Il colloquio telefonico tra la Merkel e Putin è avvenuto ieri, su iniziativa della parte tedesca. - Sputnik Italia
7/11

La cancelliera tedesca uscente Angela Merkel ha confermato di aver chiesto al presidente russo Vladimir Putin di esercitare influenza sul leader bielorusso Alexander Lukashenko sulla crisi migratoria al confine della Bielorussia con i paesi dell'UE. Il colloquio telefonico tra la Merkel e Putin è avvenuto ieri, su iniziativa della parte tedesca.

© AP Photo / Leonid Shcheglov/BelTA

Una crisi tanto allarmante che l’Onu ha deciso di convocare per giovedì un Consiglio di Sicurezza straordinario.

Una crisi tanto allarmante che l’Onu ha deciso di convocare per giovedì un Consiglio di Sicurezza straordinario. - Sputnik Italia
8/11

Una crisi tanto allarmante che l’Onu ha deciso di convocare per giovedì un Consiglio di Sicurezza straordinario.

© Sputnik . Viktor Tolochko / Vai alla galleria fotografica

Varsavia ha deciso di aumentare la forza militare al confine, trasferendo altri 15mila soldati.

Varsavia ha deciso di aumentare la forza militare al confine, trasferendo altri 15mila soldati. - Sputnik Italia
9/11

Varsavia ha deciso di aumentare la forza militare al confine, trasferendo altri 15mila soldati.

© Sputnik . Viktor Tolochko / Vai alla galleria fotografica

L’Unione Europea, come annunciato dall’Alto rappresentante per la Politica Estera, Josep Borrell, è pronta ad attivare un quinto pacchetto di sanzioni nei confronti dei membri del governo Lukashenko.

L’Unione Europea, come annunciato dall’Alto rappresentante per la Politica Estera, Josep Borrell, è pronta ad attivare un quinto pacchetto di sanzioni nei confronti dei membri del governo Lukashenko. - Sputnik Italia
10/11

L’Unione Europea, come annunciato dall’Alto rappresentante per la Politica Estera, Josep Borrell, è pronta ad attivare un quinto pacchetto di sanzioni nei confronti dei membri del governo Lukashenko.

© Sputnik . Viktor Tolochko / Vai alla galleria fotografica

La Russia è molto preoccupata per la situazione dei rifugiati al confine bielorusso-polacco. Ad affermarlo è stato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov: "La situazione rimane estremamente tesa, inoltre le tensioni sono in crescita. Siamo profondamente preoccupati. Comprendiamo la complessità della situazione, ma qui, ovviamente, crediamo che il problema riguardi de facto le persone. Diverse migliaia di profughi non vogliono rimanere in Bielorussia e richiedono asilo ai paesi europei".

La Russia è molto preoccupata per la situazione dei rifugiati al confine bielorusso-polacco. Ad affermarlo è stato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov: "La situazione rimane estremamente tesa, inoltre le tensioni sono in crescita. Siamo profondamente preoccupati. Comprendiamo la complessità della situazione, ma qui, ovviamente, crediamo che il problema riguardi de facto le persone. Diverse migliaia di profughi non vogliono rimanere in Bielorussia e richiedono asilo ai paesi europei". - Sputnik Italia
11/11

La Russia è molto preoccupata per la situazione dei rifugiati al confine bielorusso-polacco. Ad affermarlo è stato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov: "La situazione rimane estremamente tesa, inoltre le tensioni sono in crescita. Siamo profondamente preoccupati. Comprendiamo la complessità della situazione, ma qui, ovviamente, crediamo che il problema riguardi de facto le persone. Diverse migliaia di profughi non vogliono rimanere in Bielorussia e richiedono asilo ai paesi europei".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала