Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Trapani, in manette la banda delle rapine in villa

CC0 / Pixabay.com / Carabinieri
Carabinieri - Sputnik Italia, 1920, 05.11.2021
Seguici su
I carabinieri di Trapani hanno arrestato quattro persone per una serie di furti e rapine per un totale di un milione e mezzo di euro.
Per due anni hanno terrorizzato la provincia di Trapani tra incursioni in ville ed appartamenti e furti agli sportelli Atm. Oggi quattro persone sono finite in manette dopo un blitz dei carabinieri del nucleo investigativo della città siciliana e di Alcamo, assieme allo squadrone eliportato cacciatori di Sicilia.
La banda è accusata di “associazione a delinquere finalizzata alla commissione di rapine con sequestri di persona e furti ai bancomat”, per aver portato a segno quattro furti, con tanto di prelevamento di due Atm, e tre violente rapine con sequestro di persona tra Trapani, Erice e Custonaci.
La più cruenta quella commessa ai danni di una coppia di medici, Renato Salone e Paola Maltese, residenti nel comune che sovrasta Trapani nella notte tra il 21 e il 22 gennaio del 2019.
Come ricostruisce la Sicilia, quattro malviventi fecero irruzione in casa approfittando dell’allarme disattivato per i lavori in corso nell’abitazione e sequestrarono l’uomo dopo aver narcotizzato ed immobilizzato la moglie, per portare via la cassaforte.
All’interno c’erano gioielli, soldi, oro e una pistola calibro 38. Tutto finito nelle mani dei rapinatori, che in quell'occasione portarono a casa un bottino di quasi un milione di euro.
Un milione e mezzo è l’ammontare della refurtiva messa insieme in pochi anni dai banditi. Dei veri professionisti, secondo i carabinieri, che programmavano ogni colpo nei minimi particolari, fin dai pedinamenti con telecamere e sistemi Gps.
In due occasioni, inoltre, i malviventi hanno utilizzato un flex per portare via gli sportelli Atm degli uffici postali attraverso dei fori sulle pareti.
Otto in tutto sono le persone denunciate dai carabinieri, di cui quattro si trovano in carcere e una ai domiciliari.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала