Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Nubifragio a Catania: esposto del Codacons per disastro ambientale e omicidio colposo

© REUTERS / Antonio ParrinelloМусор на улице после ливня на Сицилии
Мусор на улице после ливня на Сицилии - Sputnik Italia, 1920, 03.11.2021
Seguici su
Presentato un esposto-denuncia che ipotizza i reati di omicidio colposo, disastro ambientale e delitti colposi contro l’ambiente, omicidio colposo e malversazione a danno dello Stato.
Il Codacons Sicilia ha presentato oggi, a firma del suo Presidente Regionale Giovanni Petrone, un esposto denuncia per accertare l'eventuale responsabilità penale dei danni provocati dal nubifragio che la scorsa settimana ha colpito Catania e la sua provincia.
In particolare l'esposto mira ad "accertare se quanto accaduto sia frutto di colpevoli ritardi, di incuria, omissioni, abusi edilizi e quant’altro può essere fonte di responsabilità penali.
I reati ipotizzati sono:
omicidio colposo,
disastro ambientale e delitti colposi contro l’ambiente
omicidio colposo
malversazione a danno dello Stato

I danni agli ospedali

Codacons Catania fa sapere che alla Procura della Repubblica verranno sottoposti anche gli episodi di allagamento riguardanti le strutture ospedaliere. Il riferimento è all'allagamento dell'ospedale Garibaldi di Nesima, dove l'acqua è entrata direttamente dalla strada invadendo il piano terra e quelli sottostanti.

Il Codacons chiede alla Procura della Repubblica di accertare l'effettuazione dei lavori di manutenzione presso l’Ospedale Garibaldi e se la causa dell’allagamento dell’Ospedale sia da ricercarsi nelle costruzioni antistanti l'edificio: in particolar modo il rispetto della normativa sulla costruzione di impianti a così poca distanza da un ospedale.

Sotto i riflettori finisce anche l'ospedale San Marco, dove il 29 ottobre è sprofondato una parte del parcheggio a seguito delle abbondanti piogge. Si chiede inoltre di indagare sul decesso di tre persone morte nel catanese in conseguenza degli allagamenti.
Il Codacons chiede infine di verificare l'utilizzo delle somme che sarebbero dovute servire alla riqualificazione e sistemazione idraulica dei torrenti Forcile, Nitta e Bummacaro nei quartieri Librino e Santa Maria Goretti con opere di sistemazione idraulica e regimentazione delle acque.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала