Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Calenda attacca Renzi: “Non si può fare lobbying per Paesi stranieri ed essere leader di un partito”

© AFP 2021 / Alberto PizzoliCarlo Calenda
Carlo Calenda - Sputnik Italia, 1920, 03.11.2021
Seguici su
Per il numero uno di Azione è “sbagliato” il lavoro dell’ex premier come businessman, che non si concilia con le prerogative di un parlamentare. Un atteggiamento che potrebbe far naufragare anche il progetto di centro.
Carlo Calenda è netto: far parte di un Cda di una società italo-russa, fare lobbying per stati stranieri e nello stesso tempo essere leader di un partito e parlamentare “è sbagliato”.
Giudizio senza appello, quindi, per il numero uno di Italia viva, Matteo Renzi, volato a New York per il lancio a Wall Street della società italo-russa di car sharing Delimobil, di cui fa parte.

“Ritengo che ci sia un vuoto normativo, perché per legge dovrebbe essere previsto che non si possa svolgere una attività di business regolamentato, come il car sharing, o essere pagati da società direttamente o indirettamente partecipate da Stati stranieri, se si è parlamentari in carica", dice Calenda a Repubblica.

Per il leader di Azione “non è mai avvenuto nella politica contemporanea che un leader che fa politica in Italia riceva soldi da uno Stato straniero".
Matteo Renzi - Sputnik Italia, 1920, 02.03.2021
Polemiche sulla visita di Renzi in Arabia Saudita, ma lui si difende: "Sono ossessionati da me"
Un riferimento neanche troppo velato agli incarichi in Arabia Saudita di Renzi nella fondazione di Mohammed bin Salman, Future Investment Initiative.
“Non ci sono precedenti nella politica contemporanea di un leader di partito in carica che faccia attività di lobbying" o venga “stipendiato” da un Paese straniero.

I dubbi sul Grande centro

Per questo atteggiamento di Renzi, Calenda vede un’influenza diretta sul progetto del Grande centro.
Come hanno conseguenze sull’ipotesi di unirsi anche le alleanze di Iv con Micciché in Sicilia e con i 5Stelle in un numero rilevante di Comuni.
“Qui si mostra la diversità delle nostre concezioni. Io vedo la necessità di un grande motore politico riformista contro i populismi. Non di un centro che sia un fritto misto che si allea ora a destra ora a sinistra, alla ricerca di un vantaggio".
Ma il progetto resta comunque in piedi, con la possibilità di aprire Azione “a tutte le personalità che vogliano dare un contributo, compresi gli esponenti di Italia Viva, in vista però di un progetto chiaro e serio e di una rettitudine politica e di comportamenti".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала