Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Riportato alla luce lo splendore di un mosaico dell'VIII secolo, dopo un sapiente restauro

© Foto : Travel Palestine/FacebookMosaico dell’VIII secolo in Palestina
Mosaico dell’VIII secolo in Palestina - Sputnik Italia, 1920, 01.11.2021
Seguici su
Dopo un imponente restauro torna all'antica bellezza il mosaico che ricopre ben 836 metri quadrati. Uno dei più grandi al mondo. Ora le autorità palestinesi sperano nell'arrivo dei turisti.
5 milioni di piccole tesserine compongono il capolavoro oggi restaurato.
Uno dei più grandi del pianeta, riportato all'antico splendore dopo un restauro durato 5 anni.
Il capolavoro si trova in Medio Oriente, per la precisione in Palestina, e risale al VIII d.C.
Deve essere stato davvero un durissimo lavoro dato che ricopre un'area complessiva di 836 metri quadrati.
E' stato costruito durante il regno degli Omayyadi, dinastia musulmana regnante dal 660 al 750 d.C., insieme con il castello che lo racchiude come uno scrigno custodisce i propri tesori.
Il palazzo secondo le fonti era la dimora d'inverno del califfo Hisham ibn Abd al - Malik, sul trono del Regno dal 724 al 743 d.C.
Tra le tante scene raffigurate con l'antica tecnica del mosaico che qui esprime al meglio le proprie potenzialità, un leone a caccia e delle gazzelle, e numerosi disegni geometrici e floreali.
Il palazzo, dimenticato per secoli, fu riscoperto nel XIX secolo e visitato nei primi anni del '900.
I lavori di restauro sono stati finanziati dalla agenzia giapponese JICA.
Il restauro del mosaico ha richiesto cinque anni ed è costato circa 12 milioni di dollari.
Ora le autorità palestinesi sperano che il luogo diventi un importante sito per i turisti di tutto il mondo.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала