Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, Sileri: "Natale libero da restrizioni grazie al Green pass"

© AP Photo / Andrew MedichiniPierpaolo Sileri
Pierpaolo Sileri - Sputnik Italia, 1920, 01.11.2021
Seguici su
E' prematuro pensare ad un'abolizione della carta verde secondo il sottosegretario alla Salute, che apre ad una corsia preferenziale per la terza dose di vaccino al personale scolastico. "Docenti a rischio come i sanitari", ha detto Sileri.
Il Green pass ci consentirà di trascorrere un Natale senza restrizioni. Lo ha dichiarato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri in un'intervista al Corriere della Sera.
"Vivremo un Natale libero. I casi continueranno a crescere ancora un po’. Grazie alla carta verde non subiremo restrizioni", afferma Sileri.
Chi spera nell'abolizione del passaporto verde dovrà attendere a lungo. Il sottosegretario alla Salute è perentorio: "è prematuro parlare di un alleggerimento o addirittura dell’abolizione del green pass".
Bisognerà raggiungere la soglia del 90% dei vaccinati, ancora lontana per tre ragioni: i casi in aumento, l'elevata quota di over 50 senza neanche una dose di vaccino, la somministrazione in corso delle terze dosi aggiuntive e booster, ha spiegato Sileri.
Inoltre bisogna ancora decidere sui circa 1.600 italiani che hanno ricevuto il vaccino Johnson & Johnson, inizialmente accreditato come monodose.
"La decisione è imminente. Mi risulta che gli organismi tecnici siano orientati a prevedere un richiamo con un vaccino a mRNA, molto probabilmente almeno dopo due mesi dall’unica iniezione. Siamo nei tempi visto che queste persone si sono immunizzate tra aprile e maggio", annuncia Sileri.

Terza dose: corsia preferenziale agli insegnanti

Sileri si è detto d'accordo con il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi per aprire una corsia preferenziale agli insegnanti per la terza dose di vaccino anti-Covid.
"E’ stato fatto per i sanitari e come loro docenti e operatori delle scuole lavorano in ambienti a rischio, a contatto con i giovani che sotto i 12 anni non sono immunizzati in quanto non è ancora disponibile il vaccino per la loro età", afferma.
La terza dose dovrà essere somministrata dopo sei mesi dalla seconda. "Non c'è un'evidenza scientifica per anticipare", spiega il sottosegretario, sottolineando che ancora c'è un po' di tempo, anche se la decisione definitiva non è stata ancora presa e la discussione è in corso.
In Italia le dosi somministrate sono 89.851.272, mentre 44.779.642 persone, pari all'82,91% degli over 12, hanno completato il ciclo di immunizzazione, secondo il report di Aifa aggiornato a lunedì 1 novembre. Inoltre sono state somministrate 263.358 dosi addizionali e 1.316.568 richiami booster.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала