Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scienziato sostiene che una tempesta geomagnetica colpirà la Terra nei prossimi giorni

© Foto : Solar Orbiter / PHI Team / ESA & NASALe prime immagini da Solar Orbiter rivelano ‘campfires’ sul Sole
Le prime immagini da Solar Orbiter rivelano ‘campfires’ sul Sole - Sputnik Italia, 1920, 30.10.2021
Seguici su
L'attività solare provocherà una tempesta geomagnetica sulla terra entro i prossimi 3 giorni, lo ha detto a Sputnik Sergey Kuzin, il capo del laboratorio per l'astronomia ai raggi X presso l'Istituto di Fisica Lebedev dell'Accademia delle Scienze degli Emirati Arabi Uniti.

"L'esplosione è avvenuta in direzione della Terra e la raggiungerà. A che velocità stanno andando le particelle? Per dirlo, bisogna aspettare nuovi dati. Di solito ci vogliono da un giorno e mezzo a tre giorni [il brillamento è stato registrato il 28 ottobre alle 15:17 GMT]", ha affermato.

Il laboratorio di Kuzin ha riferito sul suo sito Web che la tempesta è prevista a partire dalle 6:00 di sabato 30 ottobre prossimo e durerà circa 24 ore. Sarà una tempesta di medio livello: G2.
Lo scienziato ha spiegato che l'intensità della tempesta non è direttamente correlata alla potenza del brillamento, ma dipende da molti altri fattori, come l'impulso e le configurazioni magnetiche del plasma solare.
Tuttavia, ha chiarito che non bisogna aver paura della tempesta geomagnetica.

“Ci sono due fattori: l'impatto sulla sfera tecnica, che oggi è molto ben neutralizzata, e l'impatto sullo stato della persona, che non dipende tanto dall'effetto magnetico, quanto dalle caratteristiche psicosomatiche della persona stessa. Un viaggio in metropolitana produce lo stesso effetto di una forte tempesta magnetica", ha sottolineato, aggiungendo: "Sono in molti ad accorgersene?"

Lo scienziato ha ricordato che la tempesta magnetica può colpire, in particolare, gli uccelli migratori, che tracciano le loro rotte guidati dai campi magnetici.
Sulla base delle loro considerazioni, si possono prevedere nuovi brillamenti solari nei prossimi 7-10 giorni, anche se è impossibile prevedere se si verificherà un'altra classe X. Il precedente dello stesso tipo si è verificato circa un anno fa, ha detto Kuzin.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала