Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il Verde Beppe Sala dice sì al nuovo stadio di Milano, ma è polemica: chi mette i soldi?

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaLo stadio di San Siro
Lo stadio di San Siro - Sputnik Italia, 1920, 30.10.2021
Seguici su
Venerdì 29 ottobre il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha annunciato su Instagram di avere raggiunto un accordo con i club calcistici di Inter e Milan per la costruzione del nuovo stadio della città.
L’accordo prevede che le squadre di calcio si attengano a dei “prerequisiti fondamentali per poter passare alla fase esecutiva del progetto stadio”.
Il “nuovo stadio dovrà sostanzialmente rispettare le linee e i volumi contenuti nello studio di fattibilità che è già stato presentato all’Amministrazione”.
Inoltre, Sala ha chiesto che venga effettuata “una riconversione dell’area dell’attuale San Siro al fine di sviluppare il progetto del distretto dello sport e entertainment, in un contesto verde”.
Terza richiesta del Comune di Milano, “le concessioni di diritti volumetrici per sviluppi urbanistici accessori allo stadio "non dovranno derogare a quanto consentito dal PGT vigente”, che prevede un indice di edificabilità pari a 0,35. I club avevano invece chiesto un indice di edificabilità quasi doppio: 0,63.
“Le due società si sono dichiarate d’accordo rispetto a queste proposte”, ha scritto ancora Sala. Tuttavia, aggiunge il sindaco di Milano, a “prescindere dal timing di realizzazione del nuovo stadio, la cerimonia di apertura delle Olimpiadi Invernali 2026 si svolgerà nell’attuale impianto, come tributo alla sua gloriosa storia”.
Questo significa che il nuovo stadio non vedrà la luce prima delle Olimpiadi Invernali?

I tanti dubbi

Molti sono i dubbi e anche le polemiche intorno alla realizzazione del nuovo stadio. Perché da un lato ci sono i comitati e i Verdi, di cui anche Sala fa parte come appartenenza politica, che si domandano che necessità ci sia di abbattere lo stadio per ricostruirlo ex novo: non lo si potrebbe ristrutturare è la loro domanda, come riporta il Corriere della Sera?
Poi c’è chi si domanda chi metterà i soldi per il progetto, dal momento che il piano prevede anche la costruzione di altri edifici, tra cui alberghi e centri commerciali.
Inoltre, si fa notare che i tempi non potranno essere celeri come il comitato promotore – cioè le squadre di calcio – ritengono, perché per motivi burocratici ci sono dei passaggi e delle tempistiche da rispettare, le quali, da sole, richiederanno un'attesa non inferiore ai 270 giorni. A cui andranno aggiunti i tre anni previsti per la realizzazione dell’opera.
E infine l’ultima domanda. Se lo stadio San Siro (Giuseppe Meazza) attuale dovrà essere utilizzato per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi Invernali del 2026, come si farà fino ad allora a costruire quello nuovo, se il progetto prevede l’abbattimento di quello attuale?
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала