Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

G20 l’omaggio italiano agli ospiti con vino e olio Made in Italy

© Foto : Pixabay / Clarissa Marinho Formaggio e vino
Formaggio e vino - Sputnik Italia, 1920, 30.10.2021
Seguici su
La presidenza italiana del G20 in corso nel quartiere Eur a Roma, omaggia gli ospiti del provenienti da tutto il mondo con una magnum di Amarone o in alternativa di Olio extravergine ligure, assieme a un pacco di caffè per i partecipanti di fede islamica.
Con questa scelta culinaria, l’Italia prova a conquistare i capi di Stato e di governo giunti a Roma per l’importante vertice internazionale.

“La scelta non è solo un'importante azione di promozione del Made in Italy agroalimentare all'estero, ma anche un preciso segnale politico a difesa della dieta mediterranea sotto attacco del nutriscore e delle etichette allarmistiche sulle bottiglie di vino”, commenta la Coldiretti.

Coldiretti, inoltre, riferisce che la scorsa settimana il presidente del Consiglio, Mario Draghi, aveva anticipato che “il governo è totalmente consapevole della gravità che l'introduzione del nutriscore possa rappresentare per la nostra filiera agroalimentare ed è pienamente impegnato nella sua tutela”.
Con l’introduzione dell'etichettatura nutriscore francese, infatti, come quella a semaforo adottata in Gran Bretagna, si rischia di promuovere cibi spazzatura con edulcoranti al posto dello zucchero e di sfavorire gli elisir di lunga vita come l'olio extravergine di oliva considerato il simbolo della dieta mediterranea.
G20 a Roma, foto dei partecipanti - Sputnik Italia, 1920, 30.10.2021
G20 di Roma, Mario Draghi guarda con ottimismo al futuro del mondo
Ma anche specialità come il Grana Padano, il Parmigiano Reggiano ed il prosciutto di Parma sono a rischio con le scelte protezioniste di questi due paesi.
Si tratta di etichette a colori che si concentrano esclusivamente su un numero molto limitato di sostanze nutritive (ad esempio zucchero, grassi e sale) e sull'assunzione di energia senza tenere conto delle porzioni, rileva Coldiretti.
Sul nutriscore in passato era intervenuta anche Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia per condannare la scelta della Francia e la passività dell’Unione Europea.
Anche il ministro dell'Agricoltura lo scorso anno aveva protestato con l'Unione Europea.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала