Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Tribunale di Parigi, assolto Jean-Marie Le Pen dall'accusa di incitamento all'odio razziale

© AFP 2021 / Bertrand GuayJean-Marie Le Pen
Jean-Marie Le Pen - Sputnik Italia, 1920, 29.10.2021
Seguici su
Il tribunale di Parigi ha assolto Jean-Marie Le Pen, accusato di incitamento all'odio razziale.
Il tribunale di Parigi ha assolto il fondatore del partito di estrema destra Fronte Nazionale (ora Rassemblement National) Jean-Marie Le Pen, accusato di incitamento all'odio razziale, secondo BFMTV.
I giudici dovevano esaminare le dichiarazioni di Le Pen in una videointervista diffusa nel giugno 2014, dove ha rivolto all'attore Patrick Bruel, di origine ebrea, e ad altri artisti oppositori del Fronte Nazionale, una frase che può essere tradotta come "la prossima volta vi organizzeremo un forno". La dichiarazione di Le Pen è stata condannata da molti politici, tra cui sua figlia, l'attuale presidente del Rassemblement National Marine Le Pen, definendo le parole di suo padre "un errore politico". Jean-Marie Le Pen è stato espulso dal partito nel 2015. E nel 2018 è stato privato del titolo di presidente onorario del partito.
Oggi il tribunale ha stabilito che le osservazioni di Le Pen erano dirette alla comunità ebraica perché "la parola forno" si riferisce ad "una rappresentazione simbolica del processo di sterminio sistematico degli ebrei d'Europa" durante la Seconda Guerra Mondiale.

Tuttavia, il giudice ha stabilito che non era un appello alla discriminazione e alla violenza, ma il desiderio di usare una parola tagliente di fronte ad una platea avversa.

In una lettera indirizzata alla corte, Jean-Marie Le Pen ha ribadito che la parola "forno" "non ha mai avuto un significato controverso e nemmeno politico". Lo stesso politico 93enne non era presente all'udienza.
Questa non è la prima volta che Jean-Marie Le Pen è apparso in tribunale per le sue osservazioni. In particolare, era stato precedentemente condannato da un tribunale a una multa di 30mila euro per le sue dichiarazioni sulle camere a gas, che ha definito "un dettaglio della storia della Seconda Guerra Mondiale".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала