Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sardine e ddl Zan, loro sanno contro chi puntare il dito: Matteo Renzi

© AP Photo / Alberto PellaschiarMattia Santori
Mattia Santori - Sputnik Italia, 1920, 28.10.2021
Seguici su
Chi ha affossato il ddl Zan in Parlamento con l’esultanza da stadio del centrodestra e l’aggiunta di un numero non ancora precisato di “franchi tiratori”?
Mentre i partiti e i quotidiani hanno provato a sbrogliare la matassa, anche intervistando i diretti interessati, le Sardine sembrano non avere dubbi: "la responsabilità, e non solo da oggi, della mancata approvazione al Senato della nostra Repubblica, che dovrebbe rimuovere gli ostacoli all’uguaglianza, ha un nome e un cognome: Matteo Renzi", affermano in una nota.
Per le Sardine, Italia Viva non da ora voleva affossare il ddl Zan e parlano di un ostruzionismo che non avrebbe permesso di dare uguaglianza a tutti i cittadini italiani. Ma da destra sottolineano che l’introduzione di questa legge avrebbe messo il bavaglio a quella parte di italiani che si dicono contrari all’insegnamento della cultura transgender sin dalle scuole elementari. Inoltre, la destra crede che la legge avrebbe introdotto un reato nei confronti di chi la pensa diversamente (reato di opinione), che contrasta con i principi fondamentali della Costituzione italiana.
Le Sardine adesso spingono alla mobilitazione, per avere una nuova legge contro l’omotransfobia, e credono che in realtà la destra voglia la libertà di odiare.
L’accusa a Matteo Renzi è molto diretta e forte, e le Sardine nel comunicato hanno scritto:
“Il senatore Renzi ieri era in Arabia Saudita, che forse è anche il suo riferimento per i diritti umani, durante il voto decisivo al Senato di ieri che ha affossato il ddl Zan”.
Di più, credono che Renzi “trova invece il tempo di incontrare Gianfranco Miccichè per siglare il patto con Forza Italia per gruppi e liste comuni, o di andare in Arabia Saudita a fare commercio di se stesso col Re”.
In risposta alle accuse il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ha postato un video sui social, affermando che "sul ddl Zan si è consumato un disastro politico, gestito con totale incapacità dal PD di Enrico Letta, che prima ha fatto un'apertura in TV e poi ha deciso di andare al muro contro muro, giocando una partita ideologica sulla pelle delle persone".
Il Senato della Repubblica - Sputnik Italia, 1920, 27.10.2021
DDL Zan, votazione al Senato: 154 voti contro 131, è stop all'esame
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала