Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Green pass, l'ipotesi dell'estensione fino all'estate del 2022

© SputnikGreen Pass
Green Pass - Sputnik Italia, 1920, 28.10.2021
Seguici su
Secondo le indiscrezioni apparse su alcuni quotidiani il governo vorrebbe seguire le orme della Francia, che ha deciso di estendere l'obbligo del certificato verde Covid fino all'estate del 2022.
Sul green pass l’Italia potrebbe seguire il modello francese ed estendere l’utilizzo del certificato verde fino al 2022. La settimana scorsa, infatti, dopo un intenso dibattito e con uno scarto di soli dieci voti di differenza tra favorevoli e contrari, l’Assemblea Nazionale ha adottato il disegno di legge sulla “vigilanza sanitaria” che estende di fatto l’emergenza Covid fino al luglio del 2022, prolungando di conseguenza anche la vita della carta verde.
Un’ipotesi di questo tipo, secondo le indiscrezioni che circolano sui quotidiani, sarebbe al vaglio del governo italiano in questi giorni. L’obbligo di mostrare il green pass sul posto di lavoro, al ristorante o sui mezzi di trasporto, infatti, decadrebbe, come ricorda IlGiornale.it, al termine dell’emergenza sanitaria, fissato per il 31 dicembre.
Parlamento Europeo - Sputnik Italia, 1920, 27.10.2021
Green pass, dal 3 novembre obbligatorio anche per entrare al Parlamento europeo
L’idea, quindi, è che, complice la risalita dei contagi, si vada verso la proroga, sia dello stato di emergenza, sia dell’utilizzo del green pass, almeno per i primi sei mesi del 2022.
Dire addio alla certificazione verde nel giro di un paio di mesi, infatti, potrebbe avere l’effetto di rallentare la campagna vaccinale e di far salire ulteriormente i casi di positività al virus.
Finora nel nostro Paese l’86 per cento della popolazione sopra i 12 anni è stata immunizzata con due dosi, ma l’obiettivo è arrivare almeno al 90 per cento.
Poi, c’è la sfida delle terze dosi, da somministrare per ora ai sanitari, agli immunodepressi, agli over 80 e ai pazienti ricoverati nelle Rsa. Fino ad oggi ne sono state inoculate circa un milione ma se, come nota Il Messaggero, dovesse essere confermato il calo dell’efficacia del vaccino dopo sei-otto mesi, dovranno sottoporsi al richiamo 42 milioni di italiani.
Anche in questo caso, come per le prime dosi, si procederà dando priorità alle fasce d’età maggiormente a rischio e senza obbligatorietà.
Il criterio per stabilire fino a quando dovranno essere mantenere le regole attuali sarà quello dell’andamento dei contagi e delle ospedalizzazioni. L’idea è quella di mantenere il certificato verde fino alla primavera per poi eliminare gradualmente le restrizioni in vista dell’estate, se la corsa del virus dovesse rallentare, con una diminuzione dei ricoveri e dei decessi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала