Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gli USA prevedono un “divorzio” con l’UE

© AFP 2021 / Thierry CharlierLe bandiere dell'UE e degli USA
Le bandiere dell'UE e degli USA - Sputnik Italia, 1920, 28.10.2021
Seguici su
La NATO sta vivendo una grave crisi e non si può permettere di tutelare gli interessi di tutto l’Occidente per colpa dell’Europa che, invece, sta collaborando sempre più spesso con Russia e Cina. Questo è ciò che scrive William Galston, giornalista di The Wall Street Journal.
Secondo il giornalista, i tempi in cui i Paesi europei “fianco a fianco” con gli USA si opponevano all’Unione Sovietica non torneranno più, mentre l’iniziativa dei principali Stati membri dell’UE di cooperare non soltanto con la Russia, ma anche con la Cina, mina l’influenza americana nella regione indo-pacifica. Il giornalista osserva che l’opinione della Casa Bianca ha sempre meno rilevanza per Francia e Germania.

“Nonostante le decise obiezioni degli USA, la Germania ha completato la costruzione del gasdotto Nord Stream-2, rafforzando la propria dipendenza energetica dalla Russia e indebolendo l’Ucraina. Inoltre, la Francia si è unita alla Germania nel suo approccio più moderato nei confronti della Russia, rispetto a quello ritenuto accettabile dalla maggior parte dei Paesi dell’Europa centrale e orientale”, scrive.

Galston osserva che la posizione delle nazioni europee è legata al desiderio di condurre una politica indipendente a prescindere dagli interessi europei o statunitensi. Tuttavia, l’autore insiste sul fatto che il ruolo dell’Europa sulla scena mondiale si esaurisce con il sostegno ad ogni condizione degli States.
“Se qualcuno avesse perso il succo del discorso, il ministro francese delle Finanze Bruno Le Maire ha dichiarato di recente che gli USA vogliono opporsi alla Cina e che l’UE invece desidera attirare la Cina. Se i leader delle due più potenti nazioni europee sono seriamente intenzionati a condurre una politica di neutralità nel contesto della crescente lotta tra USA e Cina, questo porterà inevitabilmente a conseguenze negative per le relazioni in seno alla NATO”, osserva il giornalista.
Inoltre, l’autore riporta l’opinione dell’ex segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen, il quale è convinto che l’Europa non possa e non debba essere una forza stabilizzatrice nei confronti di Paesi che sono considerati nemici della NATO.
Condotte Nord Stream 2 - Sputnik Italia, 1920, 16.10.2021
Usa chiedono a Russia di "fare di più" per energia UE dopo tentativi per far saltare Nord-Stream 2
Rasmussen ha definito il tentativo europeo di autodeterminare una propria politica come del “mercantilismo miope” capace di minare l’attuale equilibrio di forze pro-americane.
Il passato Olaf Scholz, candidato alla cancelliera tedesca della SPD, ha invitato la Germania e l’UE ad adottare una nuova “politica orientale”, ricordando i successi storici che produsse un'analoga strategia durante la cancelleria di Willy Brandt, candidato al Premio Nobel per la Pace. Inoltre, il Ministero degli Esteri tedesco si è espresso a favore dello svolgimento tempestivo di una sessione del Consiglio NATO-Russia, alla luce dell’interruzione dell’attività di rappresentanza russa in seno all’alleanza.
Questa decisione è stata assunta in risposta all’espulsione di 8 collaboratori della missione russa in seno alla NATO e alla rimozione di altri due funzionari all’interno della rappresentanza russa. Sergey Lavrov, ministro russo degli Esteri, ha osservato che la NATO non ha ancora spiegato le ragioni alla base di questa decisione.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала