Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

2022 senza pandemia? Ma i consumatori vorranno gli stessi servizi

© AP Photo / Charlie RiedelLavoro a remoto, USA
Lavoro a remoto, USA - Sputnik Italia, 1920, 28.10.2021
Seguici su
Attendiamoci una nuova normalità, almeno questa sembra essere quella richiesta anche da una parte dei consumatori, scrive la società di ricerche socio-economiche Forrester Research Inc nel suo nuovo rapporto sulle Previsioni 2022 dal titolo: “Forze destabilizzanti richiedono decisioni coraggiose”.
La digitalizzazione è al centro della disruption, cioè del cambiamento forte che ci attende, afferma Forrester nel suo rapporto. E al centro del cambiamento troviamo anche le questioni ambientali, il rispetto del lavoro e una buona gestione delle imprese che sia più trasparente: lo richiedono i consumatori, viene fatto notare.
Se queste sono le premesse, alle imprese toccherà cambiare o soccombere, e quindi appartenere al passato.
“Il 2022 è un anno in cui bisogna essere audaci. I vecchi modi di lavorare non basteranno più. È in gioco il futuro. Le aziende leader sfrutteranno i punti cruciali del 2020 e del 2021 per creare un percorso verso un domani agile, creativo e resiliente”, si legge nel rapporto.

I consumatori guideranno il cambiamento?

Secondo il sondaggio Forrester Analytics, il 69% degli adulti europei chiedono alle aziende di essere più trasparenti rispetto alle loro pratiche commerciali. Cifra che raggiunge l’87% nei consumatori più informati.
I consumatori comprano da chi rispecchia i loro valori, lo indica il 47% della media degli europei, che sale al 55% in Italia e al 57% in Spagna, con un picco nei Paesi Bassi al 62%. Tuttavia, Forrester afferma: ”Nel 2022, ci aspettiamo un aumento del 15% di queste medie, che spingerà i brand a intraprendere ulteriori azioni”.

Pandemia e aspettative cambiate

Si tornerà alla normalità dicono in molti. Invece, si tratterà di una nuova normalità. Come alcuni studi indicavano già a partire dall’estate del 2020, alcuni comportamenti sono stati assimilati e non cambieranno più o poco.
Infatti, Forrester indica come un errore pensare che i viaggiatori vorranno tornare alle medesime procedure di cambio volo pre-pandemia. Questi non rinunceranno più alle “alternative virtuali”.
La ricerca indica che “da metà a due terzi dei consumatori statunitensi ed europei affermano che la pandemia ha cambiato il loro modo di acquistare i prodotti”.
Negli Stati Uniti, poi, il 66% di adulti è propenso a valutare un consulto medico in chat anche al termine della distanza sociale imposta dalla pandemia.

Per consumatori e marchi si sono aperte e si apriranno nuove strade. Sta ai brand “superare brillantemente la transizione verso la nuova normalità”, solo così “eviteranno un’inversione di tendenza generale e analizzeranno le conoscenze e le ricerche attuali dei clienti per valutare quali servizi mantenere, adeguare o eliminare”.

Questo perché: “I clienti chiederanno che più della metà dei servizi dell’era pandemica diventino la ‘nuova normalità’”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала