Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L’appello di Fedez dopo il ricovero della figlia Vittoria: “Fate attenzione al virus respiratorio”

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaTrattamento medico ad un bambino affetto da infezione respiratoria
Trattamento medico ad un bambino affetto da infezione respiratoria - Sputnik Italia, 1920, 27.10.2021
Seguici su
Burioni: un virus scoperto 50 anni fa ma per cui non c’è ancora un vaccino. Il RSV provoca brionchioliti e polmoniti nei più piccoli: è responsabile del 5% dei decessi sotto i cinque anni.
Come fatto in passato, è Instagram lo strumento che il rapper Fedez sceglie di usare per lanciare appelli e polemiche.
Questa volta, come accaduto durante la pandemia per la raccolta fondi per nuovi ventilatori e strumenti di assistenza per i malati di Covid, Fedez utilizza le storie del social network per avvertire tutti i genitori di un pericoloso virus, il Virus Respiratorio Sinciziale (RSV), contratto anche dalla figlia Vittoria di appena sei mesi, ricoverata da alcuni giorni in ospedale.
"Epidemia virus respiratorio in neonati: ospedali italiani pieni. Se avete bimbi piccoli fate attenzione mi raccomando", scrive in una storia su fondo nero.
© FotoFedez lancia allarme sul virus respiratorio
Fedez lancia allarme sul virus respiratorio - Sputnik Italia, 1920, 27.10.2021
Fedez lancia allarme sul virus respiratorio
"Questo virus Rsv (Respiratory syncytial virus) non va preso alla leggera" aggiunge Fedez e poi posta una foto della figlia che si sta riprendendo, “una roccia”.
Si tratta di una malattia rischiosa, in particolare per i bambini piccoli e i neonati, perché causa bronchioliti e polmoniti.
A rispondere a Fedez è il virologo Roberto Burioni: "Tutti gli anni in autunno arriva il Virus Respiratorio Sinciziale (RSV) che riempie i reparti di pediatria e costituisce un pericolo non indifferente per i bambini più deboli”.
Su Twitter l’immunologo aggiunge, però, che “purtroppo contro il virus (scoperto negli anni 50) non abbiamo ancora un vaccini efficace".

Il 5% dei decessi sotto i cinque anni

L’allarme sul ritorno del virus RSV era stato lanciato anche da Nature, che aveva pubblicato uno studio secondo cui le restrizioni e le misure di prevenzione imposte contro il Covid-19 sembravano aver soppresso il morbillo, polmoniti e meningiti e il virus influenzale.
Una situazione non duratura: con i mesi freddi le malattie, come anche il virus Sinciziale, torneranno, avvertiva Nature.
Il RSV è responsabile di circa il 5% dei decessi nei bambini sotto i cinque anni.
L'infezione ha visto i minimi storici durante la pandemia in tutti i paesi, ma poi i casi hanno iniziato a risalire ad aprile 2021, con picchi fuori stagione negli Stati uniti, in Giappone, Australia e Paesi Bassi.

Quali sono i sintomi

Il Virus Respiratorio Sinciziale provoca il raffreddore, ma specialmente nei bambini nei primi mesi di vita l'infezione può raggiungere le vie aeree inferiori ed i polmoni causando la bronchiolite acuta (un'infiammazione delle vie aeree inferiori) o la polmonite.
Il virus si diffonde facilmente da persona a persona e l'infezione si contrae attraverso le mucose di naso, bocca e occhi, toccando con le mani le secrezioni e quindi strofinandosi gli occhi o il naso.
Il virus può sopravvivere per molte ore sulle superfici dure come tavoli, maniglie delle porte, giocattoli e culle.
Si tratta della più frequente causa di infezione delle vie respiratorie nei bambini al di sotto dei due anni e rappresenta la prima causa di ricovero ospedaliero sotto l'anno di età.
In Italia il periodo epidemico intercorre tra ottobre e marzo, con un picco in gennaio-febbraio. I segnali di allarme (inappetenza e difficilta' a respirare e affanno) sono da non sottovalutare.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала