Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid in Brasile, Bolsonaro accusato di crimini contro l'umanità per i morti dell'epidemia nel Paese

© AP Photo / Pedro Ladeira / FolhapressJair Bolsonaro, presidente del Brasile
Jair Bolsonaro, presidente del Brasile - Sputnik Italia, 1920, 27.10.2021
Seguici su
La commissione parlamentare per la pandemia chiede l'incriminazione del presidente Brasiliano per la gestione dell'emergenza sanitaria, che ha provocato più di 606mila morti nel Paese.
Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro potrebbe essere processato per i 606mila morti provocati nel Paese dalla pandemia di Covid-19.La Commissione d'Inchiesta del parlamento brasiliano sulla pandemia ha approvato un rapporto finale che ne raccomanda l'incriminazione per nove reati, legati alla gestione dell'emergenza sanitaria, tra cui "crimini contro l'umanità".
Il governo rischia di finire sotto accusa per aver "deliberatamente esposto" i brasiliani, con le sue azioni e omissioni, "alla contaminazione di massa". Oltre al presidente, sono accusate 78 persone, tra cui tre figli maggiori di Bolsonaro, ministri, ex ministri e deputati.

Le accuse a Bolsonaro

Bolsonaro è accusato di nove reati: epidemia con conseguente decesso, violazione delle misure sanitarie, uso irregolare di fondi pubblici, istigazione a delinquere, falsificazione di documenti, ciarlataneria, prevaricazione, crimini contro l'umanità e di responsabilità.
La richiesta d'incriminazione si poggia su tre pilastri:
promozione di farmaci di non provata efficacia contro il Covid-19;
raggiungimento dell'immunità di gregge attraverso il massiccio contagio della popolazione;
ritardi nell'acquisto dei vaccini.
La commissione ha anche chiesto la sospensione del presidente dai social network, accusandolo di diffusione di notizie false sulla pandemia.

Le indagini su Bolsonaro

Il testo è stato approvato, dopo decine di udienze, con 7 voti su 11, a conclusione di un'inchiesta durata mesi. I lavori della Commissione sono iniziati a fine aprile, quando il Brasile contava quasi 400mila morti. La votazione si è conclusa con un minuto di silenzio per gli oltre 606mila decessi provocati dalla pandemia di Covid-19.
Il rapporto, tuttavia, non è immediatamente efficace, perché dovrà essere sottoposto alla procura generale. Sarà un fedelissimo del presidente, il procuratore Augusto Aras, a decidere sulla sua incriminazione per la gestione della pandemia. Tuttavia, Bolsonaro potrebbe finire davanti al Tribunale Internazionale dell'Aja per l'accusa di crimini contro l'umanità.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала