Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Rebus pensioni: dopo l’incontro Draghi-Salvini spunta quota 103, ma per due anni

© Presidenza del ConsiglioMario Draghi
Mario Draghi - Sputnik Italia, 1920, 26.10.2021
Seguici su
Oggi il premier vede i sindacati. Si ipotizzano dei sistemi flessibili, con maggiori tutele per i fragili, le pmi sotto i 15 dipendenti e i lavori gravosi.
Proseguono le trattative per superare Quota 100. Ieri, il premier Mario Draghi ha avuto un lungo incontro con il leader della Lega Matteo Salvini e la delegazione di settore del Carroccio e, secondo quanto scrive il Sole 24 Ore, la “mediazione sembra quasi raggiunta”.
Il sistema resterebbe quello legato alle Quote, almeno fino al 2024, con un’attenzione particolare ai lavori gravosi e ai fragili, con un ampliamento della platea per le uscite agevolate.
Una revisione che deve restare all’interno dello spazio finanziario indicato dal Documento programmatico di bilancio, 1,5 miliardi in tre anni, di cui 600 milioni nel 2022.

Le diverse combinazioni, 102 o 103

Per il 2022, l’esecutivo prevede la soglia dei 63 anni, almeno per i lavoratori delle Pmi (con 38 o 39 anni di contributi).
O anche un’ipotesi “allargata”, sempre con 63 anni di anzianità e 39 o 40 anni di contributi.
La quota 102, 63+39, avrebbe una durata più breve, 12 mesi.
Se invece entrasse in vigore direttamente quota 103, 63 anni più 40 di versamenti o 64+39, la durata dovrebbe essere invece di 24 mesi.
Ultima ipotesi quella delle Quote mobili: mantenendo fissa la soglia dei 64 anni d’età e alzando solo il requisito contributivo (38 anni nel 2022, 39 nel 2023, e 40 nel 2024).
Secondo le stime del governo, si tratta di non più di 50mila pensionamenti in due anni, mentre la Cgil, che oggi insieme agli altri sindacati vedrà il premier, ritiene che le uscite siano 10mila l’anno.

Le agevolazioni

Tra gli scivoli previsti, quelli legati all’Ape, con l’ampiamento della platea di lavori gravosi e la deroga al nuovo sistema di Quote anche per i lavoratori cosiddetti “fragili” e per quelli delle Pmi in difficoltà.
La Lega ha ribadito la sua richiesta per le imprese con meno di 15 dipendenti: un fondo ad hoc per consentire i pensionamenti anticipati con requisiti vicini a quelli di Quota 102.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала