Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Polemiche negli USA: Donald Trump Jr. vende magliette che deridono la tragedia sul set di Baldwin

© AP Photo / Carolyn KasterDonald Trump Jr., the son of President Donald Trump
Donald Trump Jr., the son of President Donald Trump - Sputnik Italia, 1920, 26.10.2021
Seguici su
Donald Trump Jr. è stato accusato di voler approfittare della disgrazia accorsa sul set del film ‘Rust’, in cui ha perso la vita la direttrice di fotografia Halyna Hutchins, al fine di difendere il secondo emendamento, deridere gli avversari politici e anche realizzare meschine speculazioni economiche.
È in corso un'indagine, dopo che Alec Baldwin ha sparato con una pistola di scena sul set di Rust, uccidendo la direttrice di fotografia Halyna Hutchins e ferendo il regista Joel Souza. Serge Svetnoy, il capo elettricista del film, ha incolpato dell'incidente i produttori, i quali hanno assunto un armaiolo inesperto che ha mostrato "negligenza e mancanza di professionalità".
Donald Trump Jr., il figlio maggiore del 45° presidente degli Stati Uniti, starebbe cercando di incassare la polemica sulla scia di questa fatale tragedia, vista l’iniziativa apparsa sul suo sito.
"Le pistole non uccidono le persone. Alec Baldwin uccide le persone", recita la maglietta con scritta a caratteri cubitali, che sembrerebbe di dare l'impressione non solo di voler assumere una posizione in difesa del secondo emendamento, ma anche di deridere una disgrazia che è costata la vita a una persona,
il ferimento di un’altra e segnerà con sensi di colpa una terza. Il fatto che poi la maglietta sia acquistabile direttamente sul sito del figlio dell’ex Presidente degli Stati Uniti ha scatenato dubbi sul fatto che questi possa anche voler approfittare economicamente di una tale disgrazia.
La disdicevole iniziativa potrebbe, per altro, nascondere anche risentimenti personali, alcuni osservatori fanno notare, oltre a rimarcare il sostegno dei Trump al secondo emendamento, quello che garantisce il diritto dei cittadini americani di possedere armi.
"I media sono in piena modalità panico per proteggere Baldwin da QUALSIASI critica, perché sono d'accordo con la sua politica", ha twittato lunedì il 43enne. "Se la stessa cosa fosse successa al primo ragazzo là fuori, Baldwin sarebbe stato il primo a pisciargli sopra e tutti i media si sarebbero schierati con lui".
Prima dell'incidente fatale, la carriera hollywoodiana di Baldwin stava vivendo un periodo di rinascita, innescato proprio dalla sua parodia di Trump, positivamnete accolta al Saturday Night Live della NBC.
Trump, nel febbraio 2019, aveva affermato che tali sketch di Baldwin, che lo impersonano, fossero costellati di notizie false sul suo conto e aveva messo in dubbio il fatto che reti come la NBC potessero deridere un presidente in tale modo e impunemente.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала