Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Lamorgese: “A Trieste non c’erano i lavoratori ma frange estremiste”

© Sputnik . Evgeny UtkinManifestazione pacifica contro il green pass a Trieste
Manifestazione pacifica contro il green pass a Trieste - Sputnik Italia, 1920, 26.10.2021
Seguici su
La ministra dell’Interno risponde alle critiche sullo sgombero del porto dai manifestanti No green pass e sottolinea la necessità di salvaguardare la città da ricadute economiche con il protrarsi della chiusura.
Risponde alle critiche ma con serenità, la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese che dopo gli eventi di Trieste, con lo sgombero del porto dai manifestanti No green pass è stata bersagliata come accaduto dopo le violenze dei cortei di Roma e Milano.

"Anche a Trieste siamo stati criticati ma lì c'erano frange estremiste arrivate da fuori e non i lavoratori, che invece volevano lavorare", ha detto partecipando al convegno del sindacato di polizia Siulp la “Sicurezza in Sicurezza” a cui ha partecipato anche il capo della Polizia, Lamberto Giannini.

La ministra ha aggiunto che “le forze di polizia non hanno usato manganelli, c'erano disposizioni precise dal capo della Polizia, hanno cercato di far allontanare la gente”.
Lamorgese ha spiegato che le decisioni sono state prese anche per il contesto in cui è avvenuto il blocco del porto: "C'erano anche interessi commerciali in gioco, perciò abbiamo deciso per lo sgombero leggero in modo da riuscire a far ripartire il porto altrimenti avremmo avuto ricadute economiche sulla città".
Protesta contro il Green Pass a Trieste - Sputnik Italia, 1920, 23.10.2021
Lamorgese sulle proteste no green pass a Trieste: anche antagonisti dall'estero

Nel 2021 oltre 13.800 manifestazioni

Lamorgese non nasconde che quest’anno ha riservato molte criticità per il suo ministero.
“Questo è stato un periodo difficilissimo a tutti i livelli e per le forze di polizia in particolare: solo quest'anno abbiamo avuto 13.800 manifestazioni di cui circa 5.400 contro il governo e 3.600 sul tema del Covid".
E in questo contesto, aggiunge, “è difficile per gli appartenenti alle forze di polizia operare cercando di bilanciare i diritti, quello a manifestare e il diritto alla salute, un bilanciamento che richiede grande professionalità”.
E il punto di forza è stato avere “la pazienza di Giobbe, la tolleranza che ci consente di affrontare con serenità quello che va affrontato ogni giorno", sottolinea Lamorgese ricordando di essere un prefetto, “la professionalità acquisita da ognuno di noi nessuno ce la può togliere".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала