Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Disastro Moby Prince, la commissione d'inchiesta ascolta la vedova del secondo ufficiale di coperta

© FotoIl relitto della Moby Prince
Il relitto della Moby Prince - Sputnik Italia, 1920, 26.10.2021
Seguici su
La Commissione parlamentare d'inchiesta sulle cause del disastro della Moby Prince si riunisce oggi a Roma. La seduta sarà trasmessa in diretta web.
La Commissione parlamentare d'inchiesta sulle cause del disastro della nave Moby Prince svolgerà l'audizione della dottoressa Marina Caffarata, vedova del secondo ufficiale di coperta della Moby Prince Lido Gianpedroni, martedì 26 ottobre, presso l'Aula al III piano di Palazzo San Macuto, al termine delle votazioni pomeridiane in Assemblea.
Lo scorso 6 ottobre erano stati auditi i rappresentanti dei familiari delle vittime, Angelo e Luchino Chessa, per l'associazione 10 Aprile-Familiari Vittime Moby Prince Onlus, e Nicola Rosetti, per l'associazione 140 Familiari Vittime Moby Prince.
In quell'occasione, i familiari delle vittime hanno espresso pubblicamente gli aspetti "poco chiari del passato", tra cui "le azioni di manomissione, di omissione e di depistaggi che si sono protratti per anni", si legge in una nota di Facebook.

Il disastro del traghetto Moby Prince

La notte del 10 aprile 1991 il traghetto Moby Prince, diretto in Sardegna, entrò in collisione con la petroliera Agip Abruzzo, appena fuori il porto di Livorno. La prua del traghetto squarciò una delle cisterne del greggio trasportato e si scatenò un incendio, che causò la morte di 140 persone. Si mise in salvo una sola persona, il mozzo Alessio Bertrand, salvato da due ormeggiatori.
La Commissione d'inchiesta sulle cause del disastro Moby Prince è stata istituita lo scorso maggio, con approvazione della Camera dei Deputati. Il mandato della nuova Commissione è quello di scoprire perché il traghetto entrò in collisione con la petroliera statale Agip Abruzzo.
I commissari dovranno acquisire i tracciati radar e le rivelazioni satellitari sinora negate dal comando militare statunitense e altri Paesi Nato allo Stato Italiano.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала