Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Venezia, protesta per i diritti delle prostitute: “La prostituzione non è reato” - Video

Seguici su
Attiviste e sex workers che lottano per i diritti delle prostitute si sono riunite domenica a Venezia per la manifestazione di apertura del ciclo “Umbrella: Vent’anni di attivismo con gli ombrelli rossi”.
Il progetto, finalizzato a creare un dialogo relativo alle politiche economiche e sociali che ruotano intorno al mercato del sesso, si svolge dal 24 al 30 ottobre in occasione del ventesimo anniversario della prima protesta organizzata dal Comitato per i diritti civili delle prostitute, guidato dall'attivista Carla Corso, durante la Biennale di Venezia del 2001.
Vent’anni fa un gruppo di prostitute ha marciato per le strade di Venezia con ombrelli rossi. La manifestazine faceva parte dell’iniziativa "Padiglione delle prostitute" messa in scena dall'artista sloveno Tadej Pogacăr per la 49esima Biennale di Venezia con lo scopo di far riflettere le persone sul mondo delle prostitute.
Questa domenica attivisti e prostitute hanno marciato per calli di Venezia tenendo in mano ombrelli rossi, simbolo della protezione da abusi, violenze e pregiudizi. Il corteo è giunto al Punto Croce, luogo di ritrovo in Campo San Giacomo dell'Orio, dove l’artista Tadej Pogacăr ha presentato il corpo di lavoro "CODE:RED".
Durante il percorso i partecipanti alla manifestazione hanno scandito slogan come “Sex work is work” e “La prostituzione non è reato”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала