Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sudan, Primo ministro agli arresti domiciliari e proteste contro il governo di transizione militare

© AFP 2021 / ASHRAF SHAZLYSudan
Sudan - Sputnik Italia, 1920, 25.10.2021
Seguici su
Forze militari non identificate hanno preso d'assalto la casa del primo ministro sudanese Abdalla Hamdok, che ora è agli arresti domiciliari, secondo Arab News. Altri 4 ministri sarebbero stati arrestati mentre ingrossano manifestazioni e malcontento contro la giunta militare che il prossimo mese dovrebbe concludere il suo mandato di transizione.
Il colpo di Stato in Sudan del 2019 fu un golpe militare messo in atto dalle forze armate sudanesi la mattina dell'11 aprile 2019 per rovesciare il governo del presidente sudanese Omar al-Bashir, destituito dal potere e arrestato dopo aver ricoperto tale ruolo per quasi 30 anni.
L'esercito sudanese dopo lo scioglimento del Governo Nazionale annunciò uno stato di emergenza di 3 mesi, a cui fece seguito un periodo di transizione che sarebbe dovuto essere di 2 anni prima dell'istituzione di un nuovo governo. Quel periodo di transizione scadrà appunto il prossimo mese, e in questo contesto vanno inquadrate le tensioni recentemente verificatesi nel Paese africano.
Stamane, forze militari ancora non meglio indentificate, hanno preso d'assalto la casa del Primo ministro sudanese Abdalla Hamdok, che ora è agli arresti domiciliari. Anche quattro ministri del governo sudanese e un rappresentante civile del Sovrano Consiglio sono stati arrestati nelle prime del giorno, ha riferito il quotidiano Arab News, citando un servizio televisivo di Al-Hadath.
Al momento, non ci sono state conferme ufficiali sulla situazione.
La Sudanese Professionals Association (SPA), una coalizione di sindacati contrari all'esercito, invita le persone a scendere in strada e ad opporsi alla giunta militare.
In una dichiarazione la SPA ha chiesto di occupare le strade e dichiarare "uno stato di resistenza e disobbedienza civile".
Secondo un corrispondente di Sputnik, domenica la polizia di Khartoum ha dispiegato gas lacrimogeni contro i manifestanti che chiedevano un trasferimento di potere dall'esercito a un governo civile.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала