Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Rating Italia: S&P conferma il BBB, ma con promozione. Outlook positivo

© Sputnik . Виталий Белоусов / Vai alla galleria fotograficalogo dell`agenzia di raiting Standard & Poor's
logo dell`agenzia di raiting Standard & Poor's - Sputnik Italia, 1920, 23.10.2021
Seguici su
L’agenzia di rating finanziario Standard & Poor’s ha confermato il rating del debito dell’Italia a BBB, ma ha alzato l’outlook a positivo. Un piccolo premio per un debito, quello nostro, che si trova sul limite del cosiddetto 'debito spazzatura', cioè debito così pericoloso, che nessuno compra più attraverso i titoli di Stato.
Fatto insolito questo outlook passato a positivo, proprio mentre l’Italia ha un debito schizzato al 160%, in rapporto al Pil, a causa della pandemia. Insolito, perché quando, prima della pandemia, il nostro debito era al 130%, la minaccia che venisse ulteriormente declassato (Caa1) pendeva sulle nostre teste.

Le agenzie di rating stanno ora promuovendo la crescita messa a segno dall’Italia nel 2021, che ha battuto tutte le stime. Il consensus attendeva un 4% circa di Pil per il 2021 ed invece siamo intorno al 6% stimato.

Poi è Mario Draghi, il presidente del Consiglio in carica, a fare da garanzia per tutti noi. Lui che è l’ex presidente della Banca centrale europea (BCE) e che viene considerato, a ragione, il o uno dei salvatori dell’euro nel periodo più buio della moneta unica.
Le riforme promesse e che Draghi sta attuando, Consiglio dei ministri dopo Cdm e decreto dopo decreto, anche andando contro le richieste di questo o di quel partito, sono la garanzia dell’Italia che questa volta si farà quello che si è promesso e senza tentennamenti, senza troppi assecondamenti di linee di partito.

“Prevediamo una forte ripresa spinta dagli investimenti nel 2021 e nel 2022, con il Pil dell’Italia sopra i livelli del 2019 con un anno di anticipo, rispetto alle previsioni”, ha scritto l’agenzia S&P nel suo giudizio, come riportato da Il Sole 24 Ore.

Inoltre, il “chiaro rafforzamento dell’impegno a riforme pro-crescita, e le positive conseguenze che la crescita avrà sui conti pubblici” portano l’agenzia di rating a promuovere l’Italia, anche se più che una promozione è un piccolo '+' di incoraggiamento.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала