Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Capo dell'AIEA: l'Agenzia non ha prove che l'Iran arricchisca segretamente l'uranio

© flickr.com / Dean Calma / IAEAAIEA
AIEA - Sputnik Italia, 1920, 22.10.2021
Seguici su
Il direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), Rafael Grossi, ha dichiarato, durante un'intervista allo Stimson Center, di non avere alcuna informazione che indichi che l'Iran stia arricchendo segretamente l'uranio.
"Non ho alcuna informazione che lo stiano facendo. Sono fiducioso di star controllando tutti i luoghi in cui potrebbero farlo", ha detto Grossi giovedì, durante l’intervista al think tank di Washington. "Ho molta fiducia nella capacità del mio sistema di ispezione di scoprire cosa stia succedendo, se ci viene permesso di farlo".
Alla fine di maggio, l'organismo di vigilanza nucleare delle Nazioni Unite aveva affermato che l'Iran non era riuscito a spiegare le tracce di uranio arricchito trovate in diversi siti non dichiarati. Nel suo rapporto trimestrale, l'AIEA ha affermato che l'Iran continua a violare i limiti di arricchimento fissati dall'accordo nucleare del 2015, noto ufficialmente come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA). Il rapporto affermava anche che l'Iran aveva prodotto più di 2,35 chilogrammi di uranio quasi militare.
Il JCPOA, che prevedeva che l'Iran limitasse il suo programma nucleare in cambio dell'abolizione delle sanzioni da parte di altri stati, è stato messo a dura prova dal ritiro degli Stati Uniti nel 2018.
Dopo essersi ritirati unilateralmente dall'accordo, gli Stati Uniti hanno ripristinato le sanzioni contro l'Iran.
La nuova amministrazione statunitense ha espresso la disponibilità a tornare all'accordo. Tuttavia, i negoziati JCPOA a Vienna sono in una fase di stallo da diversi mesi. Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian ha dichiarato a ottobre che Teheran non negozierà, a meno che gli Stati Uniti non prendano sul serio i colloqui.
Oltre all'Iran e agli Stati Uniti, i partecipanti all'accordo sono Cina, Francia, Germania, Iran, Russia, Regno Unito e Unione Europea.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала