Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Antartide, al via la 37esima spedizione italiana

© Sputnik . V.Chistyakov / Vai alla galleria fotograficaAntartide
Antartide - Sputnik Italia, 1920, 22.10.2021
Seguici su
220 i tecnici e ricercatori che parteciperanno alla spedizione scientifica. Tra le sfide da affrontare: il rimanere 'covid free'; la pandemia detta le regole anche tra i ghiacci.
Già atterrato sui ghiacci dell'Antartide il primo contingente italiano di ricercatori e scienziati, che hanno dato il via alla 37^ spedizione di ricerca sul 7° continente.
Dopo le pesanti limitazioni della missione precedente, dovute alla pandemia, ora si riparte con i lavori.
Le missioni in Antartide sono gestite da Enea e Cnr e finanziate dal Ministero dell'università e ricerca, in seno al programma nazionale di ricerche in Antartide (PNRA).
Il primo gruppo di 23 persone è arrivato con un volo del programma antartico degli Stati Uniti d'America (Usap) e dovrà da subito occuparsi della riattivazione di tutti i servizi della base Mario Zucchelli, nonché preparare la pista di 3km che serve all'atterraggio e al decollo dei prossimi voli sul continente di ghiaccio.
© Sputnik . Alexey Kudenko / Vai alla galleria fotograficaМыс Маскар на острове Аделейд в Антарктиде
Мыс Маскар на острове Аделейд в Антарктиде - Sputnik Italia, 1920, 22.10.2021
Мыс Маскар на острове Аделейд в Антарктиде
50 i progetti di ricerca previsti. La campagna estiva 2021-22 avrà la durata di 4 mesi e vedrà in campo partecipare 220 tra tecnici e ricercatori.
La base italiana Mario Zucchelli (MZS), è attiva dal lontano 1989, e copre una superficie di ben 7.100 metri quadrati, con vari laboratori, magazzini, alloggi, e la stazione di ricerca congiunta Italia-Francia Concordia, nonchè la nave per la ricerca oceanografica Laura Bassi.
A capo della spedizione Gianluca Bianchi Fasani, dell'Enea. A novembre, poi, la sostituzione con Alberto della Rovere, il quale guiderà la spedizione fino al termine.

18 gli esperti militari che danno il loro contributo alla spedizione, tra Marina, Esercito, Aeronautica e Arma dei Carabinieri, che daranno supporto ai colleghi ricercatori, per quanto concerne le attività esterne, i campi remoti e le attività navali e subacquee, nonché per previsioni meteo e operazioni aeree, con gli elicotteri e gli altri mezzi della spedizione.

4 gli appartenenti al Corpo nazionale dei Vigili del fuoco a partecipare alla spedizione; 40 militari dell'Aeronautica Militare Italiana a dare contributo alle operazioni.
Un C-130J dell'Ami servirà ad effettuare i collegamenti tra Christhchurch, in Nuova Zelanda, la base italiana MZS e la base statunitense di McMurdo, che permetterà il trasbordo di passeggeri e materiali.

In tutto, sono previsti 10 voli intercontinentali, di cui uno destinato a soli passeggeri da Hobart con l'airbus A319 della ASD, l'Australian Antartic Division.

Si prevede l'ampliamento della missione a Little Dome C, a 40 km dalla base Concordia, dove è in programma di continuare i lavori di allestimento del campo per il progetto internazionale Beyond Epica Oldest Ice, progetto coordinato dell'istituto di scienze polari del Cnr, in collaborazione con l'Università Ca'Foscari di Venezia.
All'interno del campo, verranno eseguiti lavori di perforazione della calotta antartica per ''ricostruire il clima del pianeta fino a 1,5 milioni di anni fa''.
A novembre arriveranno le sostituzioni, da parte di 13 nuovi partecipanti al winterover.
Si vedranno così gli arrivi di 6 ricercatori del PNRA, 6 dell'Istituto polare francese Paul Emile Victor (IPEV) ed un medico dell'Esa dalla Svezia, a sostituire il gruppo precedente.
Rigorosi controlli sanitari poi per evitare il propagarsi del virus, che comportano test prima della partenza e all'arrivo, e una quarantena di 14 giorni prima della partenza per l'Antartide.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала