Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'allarme dell'Oms: "Senza vaccini la pandemia andrà avanti per tutto il 2022"

© Sputnik . Maksim Blinov / Vai alla galleria fotograficaUn'ambulanza nel centro di quarantena, ospedale Covid a Mosca
Un'ambulanza nel centro di quarantena, ospedale Covid a Mosca - Sputnik Italia, 1920, 21.10.2021
Seguici su
È la previsione di Bruce Aylward, funzionario dell’Oms, che mette in guardia sul fatto che la crisi Covid potrebbe andare avanti per tutto il 2022, se non si riuscirà ad estendere la campagna vaccinale anche all'Africa e ai Paesi in via di sviluppo.
La buona notizia è che questo potrebbe essere l’anno della svolta, quello in cui il Covid, grazie ai vaccini e alle cure, potrebbe essere sconfitto e ridotto al rango di una comune influenza. La cattiva è che se i vaccini non arriveranno anche nei Paesi più poveri, quelli che ospitano la maggior parte della popolazione mondiale, questo scenario potrebbe essere posticipato di almeno un anno.
A dirlo è Bruce Aylward, funzionario dell’Oms, che mette in guardia sul fatto che la crisi Covid potrebbe andare avanti per tutto il 2022, se non si riuscirà ad estendere la campagna vaccinale anche ai Paesi in via di sviluppo.

Tra gli osservati speciali c’è l’Africa. Qui, ricorda il funzionario, come si legge su Askanews, ha ricevuto entrambe le dosi di vaccino a malapena il 5 per cento della popolazione. Negli altri continenti la percentuale sale al 40.

“Non siamo sulla buona strada”, ha avvertito Aylward. “Dobbiamo davvero accelerare o questa pandemia – ha aggiunto il ricercatore - andrà avanti per un anno in più del necessario”.
Per scongiurare questa ipotesi, e la possibilità che emergano nuove varianti, bisogna andare avanti, ha sottolineato l’Oms, anche sulla strada degli impegni sulle donazioni, come quello assunto dai leader mondiali durante il vertice del G7 di Carris Bay.
A giugno scorso, infatti, durante il summit, il premier britannico Boris Johnson aveva annunciato un accordo per la fornitura di un miliardo di dosi ai Paesi più poveri.
Lo scorso settembre, inoltre, la stessa Oms aveva fatto appello per una moratoria globale sulle terze dosi di vaccino, per consentire ad ogni nazione del globo di vaccinare almeno il 40 per cento della popolazione.
Il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus si era detto favorevole alla somministrazione delle dosi aggiuntive di vaccino per le categorie più fragili. “Ma – aveva avvertito davanti ai giornalisti – non vogliamo vedere un uso estensivo delle terze dosi per le persone sane che hanno già completato il ciclo vaccinale”.
Intanto, anche la Francia ha prolungato lo stato di emergenza sanitaria e dell’obbligatorietà del green pass fino all’estate del 2022.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала