Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Veneto, sequestrate 340 tonnellate di pellet estero non sicuro venduto via internet

© Depositphotos / Giuseppe AnelloМашина финансовой гвардии Италии
Машина финансовой гвардии Италии - Sputnik Italia, 1920, 20.10.2021
Seguici su
Le rigide temperature si affacciano sull’Italia e con essa anche le frodi in commercio legate alla vendita del pellet di legno con marchio di qualità Enplus® contraffatto.
La Guardia di Finanza è da mesi a caccia di annunci di vendita su piattaforme disponibili nel web che commercializzano pellet non sicuro per il consumatore. Di recente, sono state sequestrate ulteriori 340 tonnellate di pellet potenzialmente pericoloso per la salute e per l’ambiente.
Si tratta prevalentemente di pellet proveniente dall’est Europa e importato in Italia con falsa etichetta di provenienza certificata, rivenduto da imprenditori identificati in particolare nel Veneto (Treviso e Vicenza) e nel centro-nord Italia (Ancona, Rieti e Terni).

Operazione 'Guasta Provvista'

Mediante l’operazione Guasta Provvista, i finanzieri hanno scandagliato il web alla ricerca di annunci che promuovevano la vendita di pellet apparentemente a norma.
Così è stato individuato e posto sotto sequestro un primo carico di pellet di legno di oltre 85 tonnellate in provincia di Treviso. Due operatori economici distinti, ma in partnership per l’affare, sono stati denunciati per il reato penale di frode in commercio.
Ulteriori perquisizioni sono state condotte presso una società in provincia di Vicenza, dove è stato rinvenuto un sito di stoccaggio di pellet sfuso, sprovvisto delle certificazioni. Anche in questo caso, il titolare della società, che non risultava presente tra le certificate dall’Associazione italiana energie agroforestali, è stato denunciato e gli sono state sequestrate 197 tonnellate di pellet di legno, pronto per essere immesso in commercio in Italia.

700 tonnellate sequestrate da giugno

Alle 340 tonnellate delle operazioni condotte a partire dal mese di settembre, si aggiungono i sequestri fatti dal mese di giugno e tutta l’estate ai danni di altri operatori economici.
In totale, la Guardia di Finanza ha sequestrato 700 tonnellate di pellet di legno non certificato che, se immesso in commercio, avrebbe potuto arrecare danno alla salute dei consumatori durante la combustione.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала