Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Venezuela, il governo sospende il dialogo con l'opposizione dopo l'estradizione di Saab negli USA

© AFP 2021 / Federico ParraJorge Rodríguez, ministro della Comunicazione e Informazione del Venezuela
Jorge Rodríguez, ministro della Comunicazione e Informazione del Venezuela - Sputnik Italia, 1920, 17.10.2021
Seguici su
Il diplomatico venezuelano Alex Saab era stato arrestato a Capo Verde mentre il suo aereo diretto in Iran faceva una sosta di rifornimento. Sabato è stato estradato negli Stati Uniti.
Si interrompe il dialogo tra il governo del Venezuela e l'opposizione. La delegazione del presidente Maduro sospenderà la partecipazione al tavolo dei negoziati in Messico in segno di protesta contro l'estradizione da Capo Verde negli Stati Uniti del diplomatico Alex Saab. Lo ha annunciato il presidente del Parlamento e capo della delegazione, Jorge Rodríguez.
"La nostra delegazione annuncia la sospensione della sua partecipazione al tavolo di negoziazione e dialogo. Di conseguenza non parteciperemo alla riunione che avrebbe dovuto iniziare domani, 17 ottobre a Città del Messico, come profonda espressione della nostra protesta davanti alla brutale aggressione contro la persona e l'investitura del nostro delegato Alex Saab", ha dichiarato Rodriguez in una nota.
Il capo delegazione ha definito l'estradizione di Saab "un'aggressione" contro il sistema giuridico e il diritto internazionale, contro la sua investitura diplomatica e contro la stessa delegazione che partecipa al tavolo dei negoziati.
Lo scorso settembre, infatti, il governo venezuelano ha annunciato la decisione di aggiungere Saab al processo di dialogo, nominandolo delegato al tavolo dei negoziati.
Il governo di Maduro ha promesso di intraprendere ulteriori azioni verso quello che considera come un vero e proprio rapimento.

L'arresto di Saab

Alex Saab è stato arrestato nel giugno 2020 mentre il suo aereo diretto in Iran stava facendo rifornimento a Capo Verde. E' accusato dagli Stati Uniti di violazione delle sanzioni sul Venezuela e di aver speculato sul programma di distribuzione e sussidi "Comitati locali per l'approvvigionamento e la produzione" (CLAP), istituito dal governo venezuelano per aiutare le famiglie in difficoltà a causa del blocco imposto dagli Stati Uniti.
Per la giustizia statunitense la distribuzione degli aiuti sarebbe servita a riciclare denaro in Venezuela. Secondo le accuse, depositate in un tribunale della Florida, Saab si sarebbe costantemente identificato come un operatore che ha contribuito a garantire accordi commerciali per Maduro.
Il CLAP ha aiutato a sfamare più di sei milioni di famiglie venezuelane (o oltre il 60% della popolazione del paese), secondo funzionari del governo.

La reazione del governo venezuelano

Gli avvocati di Saab hanno respinto le accuse e le ritengono "motivate politicamente". Inoltre hanno reso noto che il diplomatico, al momento del suo arresto nel giugno 2020, era in viaggio verso l'Iran per negoziare la spedizione di carburante e altre forniture umanitarie in Venezuela.
Il governo venezuelano ha sostenuto che le persone coinvolte nell'arresto di Saab violano il diritto e le norme internazionali.
"In violazione di tutte le norme e procedure, il 12 giugno Saab è stato detenuto in modo irregolare dalle autorità dell'Interpol a Capo Verde, nonostante il fatto che all'epoca non vi fosse alcun avviso rosso attivo nel sistema di quell'organismo di coordinamento della polizia internazionale", ha dichiarato il governo di Maduro in una nota di giugno 2020. "Dopo la sua detenzione arbitraria, il 13 giugno, l'Interpol ha emesso un ordine di cattura estemporaneo per giustificare la detenzione, senza tener conto dell'immunità diplomatica concessa dal diritto internazionale all'inviato di uno Stato sovrano".
I dati di Flight Aware hanno mostrato che un aereo di proprietà del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti è decollato da Capo Verde sabato intorno alle 16:53, ora locale.
L'estradizione di Saab avrebbe avuto il via libera dopo che la corte costituzionale di Capo Verde ha respinto una precedente sentenza del tribunale che sosteneva che la detenzione di Saab fosse illegale, perché l'avviso rosso dell'Interpol per la sua detenzione era stato emesso il giorno dopo il suo arresto.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала