Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il lupo, le verità oltre i miti e le paure

Lupo - Sputnik Italia, 1920, 17.10.2021
Seguici su
“Lupo cattivo”, “lupo mannaro”, questo grande predatore è visto quasi sempre come un problema e non c’entra solo Cappuccetto Rosso. I lupi oggi, a differenza degli anni ’70 in cui rischiavano l’estinzione, sono tornati a ripopolare l’Italia. È fondamentale quindi attuare maggiori monitoraggi della specie e imparare a conviverci.
Un grande predatore come il lupo può facilmente incutere timore, soprattutto quando mediaticamente vengono enfatizzate le criticità della sua presenza nelle vicinanze delle attività rurali. Il lupo, fra l’altro, viene strumentalizzato nello scontro fra gli allevatori, che possono subire dei danni economici per gli attacchi del predatore, e gli animalisti.
Evidentemente bisognerebbe mettere da parte gli scontri sociali e concentrarsi sulle possibili soluzioni perché la convivenza funzioni. Da una parte sono innegabili gli incidenti che avvengono quando gli allevamenti non sono protetti a regola d’arte, d’altro canto però “il lupo potrebbe essere motivo di orgoglio da parte dei parchi nazionali ed essere considerato un successo di conservazione in questo Paese” ha sottolineato in un’intervista a Sputnik Italia Paolo Ciucci, docente di Biologia e Conservazione della Fauna Selvatica all’Università La Sapienza di Roma.
— Professore Ciucci, qual è la situazione dei lupi in Italia: il numero degli esemplari è in crescita?
Stime accurate di popolazione sono state fatte esclusivamente nell’arco alpino, dove la Regione Piemonte per prima ha da subito dedicato grande attenzione e grandi risorse alla presenza del lupo. In quelle zone si stima una popolazione minima di circa 200 lupi distribuiti in diverse decine di branchi che si trova in continua espansione verso l’arco delle Alpi centrali e orientali. In Appenino, dove la specie c’è sempre stata a partire dagli anni ’70, non vi è stata la stessa attenzione nel monitorare la dimensione della popolazione a livello numerico. Esistono delle stime approssimative con forchette di incertezza che vanno da un minimo di 1600 fino a più di 2000 con zone dove la presenza del lupo è satura. La specie è arrivata a densità tali che non è biologicamente ragionevole pensare che ne possano aumentare di più. In virtù di questo fatto i lupi in Appenino compaiono sempre di più nelle zone meno idonee alla presenza della specie, vediamo lupi alla periferia di città come Bologna, Roma e Firenze oppure in luoghi impensabili come la Pianura Padana.
Lupo - Sputnik Italia, 1920, 19.03.2021
Orsi e lupi, dl in Senato per darne la gestione al Ministero della Transizione Ecologica
— Nell’immaginario collettivo il lupo è un animale che porta solo guai. Che tipo di animale è il lupo?
Il lupo innanzitutto è un carnivoro, è in grado di inseguire grosse prede come cervi e caprioli per poi cibarsene. A differenza delle tigri e dei leoni il lupo però è un abilissimo opportunista dal punto di vista alimentare, non disdegna di mangiare anche cose differenti qualora le prede selvatiche non fossero presenti.
In virtù del fatto che il lupo è un predatore nella storia dell’umanità si è fatto la nomea dell’animale scomodo, pericoloso e nocivo. Anche nella nostra legislazione nazionale prima che la specie venisse dichiarata legalmente protetta il lupo era considerato un animale a tutti gli effetti “nociva”. Questo si spiega con l’atteggiamento antropocentrico dove l’uomo è il padrone della terra e giudica se le altre specie gli vanno bene o meno.
Per fortuna l’assetto normativo è cambiato perché la specie era arrivata all’orlo dell’estinzione in Italia verso i primi anni ’70. Da quel momento nell’immaginario collettivo il lupo diventa il simbolo delle specie in estinzione. Sono gli anni quando partì l’efficacissima campagna San Francesco e il lupo lanciata dal WWF congiuntamente al Parco Nazionale D’Abruzzo. La campagna ha avuto un effetto imponente come mai più osservato nel nostro Paese.
— Quindi oggi il lupo non rischia l’estinzione?

— Con l’espansione della popolazione oggi il lupo è tornato a vivere con densità apprezzabili. A questo punto il lupo inizia a predare in maniera consistente le prede selvatiche. Fin qui non c’è alcun problema, i problemi iniziano quando il lupo in determinate circostanze preda gli animali domestici, perché sono molto più facili da prendere. Qui nasce anche una problematicità sociale perché il danno dell’allevatore si riflette sulla politica e quindi nasce il problema su come gestire questo fenomeno. Nascono conflitti sociali fra gruppi di persone che la pensano diversamente su come debba essere risolto questo problema.

— Qual è la funzione del lupo nella natura e nell’equilibrio con gli altri animali?
— Come altri grossi predatori, il lupo è una specie all’apice della catena alimentare, i predatori apicali svolgono un controllo numerico e di qualità delle popolazioni di preda evitando che queste popolazioni si accrescano in tal modo da arrecare danni all’ecosistema. Il lupo esercita anche un effetto comportamentale sulle popolazioni preda in qualche maniera restringendo i movimenti degli erbivori. Questo fa sì che c’è un effetto benefico sulla presenza di altre specie all’interno dell’ecosistema.
I grossi predatori infine hanno un grande ruolo estetico e spirituale; gran parte della popolazione è contenta di sapere che oggi si vive in un ambiente dove sono presenti predatori selvatici, simbolo di una natura ancora funzionante.
— I lupi sono una specie protetta, ma ogni anno vengono uccisi illegalmente, no?
È la più grande ipocrisia del nostro Paese. Il bracconaggio è un fenomeno purtroppo molto diffuso, anche fuori dall’Italia. Ogni anno c’è una grandissima quantità di lupi che viene uccisa dall’uomo sia in maniera accidentale, parliamo di incidenti stradali, ma anche in maniera intenzionale tramite trappole e veleno. La specie è protetta dal 1971. Nel 1976 la specie è stata dichiarata protetta da una legge quadro. In tutti questi anni sono pochissimi i casi di bracconaggio effettivamente perseguiti. Il bracconaggio è come se dal punto di vista normativo venisse tacitamente accettato dalle istituzioni.
Lupo - Sputnik Italia, 1920, 23.09.2021
La Spagna mette al bando la caccia al lupo: carcere fino a due anni per i cacciatori
— Prima parlavamo dei problemi legati alla presenza dei lupi in prossimità di realtà rurali. Come convivere con i lupi?
— Il primo fatto importante è che gli allevatori non devono vedere il lupo con un nemico in qualità di vettore di conflitti di valori sociali con altre categorie di esseri umani. Il lupo oggi rappresenta la comunità degli ambientalisti che fanno pressioni sulle leggi nelle grosse città spesso manifestando disprezzo per le stesse attività rurali. In questo caso non c’è soluzione tecnica che possa essere adottata, perché lo scontro vero è fra l’allevatore e i valori sociali che il lupo rappresenta. Bisogna quindi lavorare sulle componenti culturali.
Dal punto di vista strettamente tecnico la pastorizia deve recuperare le sue tradizioni di una volta, ancora presenti in alcune zone dell’Abruzzo e della Basilicata, dove gli allevatori erano capacissimi di coesistere con i lupi perché facevano parte dell’ambiente nel quale l’allevatore stesso aveva evoluto ed affinato le sue tecniche di allevamento. Parliamo di cani da guardiania di razze particolari e di tutta una serie di tecniche come le recinzioni metalliche che possono aumentare la capacità degli animali domestici di essere difesi da parte del lupo.
Gli allevatori investirebbero queste risorse se fossero sostenuti e incentivati da un punto di vista culturale e sociale. Il lupo non è solo legato a problemi. Vorrei aggiungere infine che il lupo potrebbe essere motivo di orgoglio da parte dei parchi nazionali, potrebbe essere un’attrazione turistica e volano di turismo di indotti economici per le popolazioni locali. Il lupo è un successo di conservazione in questo Paese, un aspetto poco enfatizzato a livello giornalistico.
L'opinione dell'autore può non rispecchiare la posizione della redazione
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала