Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Whirlpool: confermati i licenziamenti dei lavoratori di Napoli

© CgilLavoratori Whirlpool in protesta a Roma, giovedì 16 settembre 2021
Lavoratori Whirlpool in protesta a Roma, giovedì 16 settembre 2021 - Sputnik Italia, 1920, 16.10.2021
Seguici su
La società si impegna a non inviare le lettere di licenziamento fino al 22 ottobre. Mise e MLPS individueranno ex novo gli strumenti per tutelare la continuità lavorativa dei dipendenti interessati dal termine della procedura.
Fumata nera al tavolo Whirlpool: la multinazionale non retrocede e conferma i licenziamenti dei 340 operai del sito di Napoli. Considera "il procedimento di licenziamento concluso il 15 ottobre senza alcun accordo". La decisione è arrivata alle 2:00 di notte con una nota.

"Pur riconoscendo gli sforzi profusi dal Governo e dalle Regioni per trovare una soluzione idonea per consentire una nuova missione industriale al sito di Napoli", la società, si legge nella nota, considera "i progetti presentati ancora in una fase non compatibile con le esigenze tempistiche espresse dalla Società".

Whirlpool mantiene l'impegno a non inviare le lettere di licenziamento fino al 22 ottobre e conferma gli incentivi all'esodo nella misura di 85.000 euro o il trasferimento di tutti i lavoratori presso l'unità di produzione di Cassinetta di Briadronno, in provincia di Varese, nonché la disponibilità a proseguire la trattativa per il trasferimento di asset. Lo si apprende dalla nota.

L'impegno per la continuità lavorativa

Fallisce dunque la mediazione del Mise, che, assieme al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, si confronterà con la Presidenza del Consiglio, "per individuare o definire ex novo i necessari strumenti, con l'obiettivo comune di tutelare i lavoratori interessati dalla procedura di licenziamento avviata da Whirlpool Emea in data 15 luglio".
Questo l'impegno assunto dal governo, scritto nero su bianco nel verbale della riunione avvenuta sabato 16 ottobre alle tre di notte, in conseguenza alla conclusione con mancato accordo della procedura di licenziamento.
I sindacati sono stati convocati per un nuovo tavolo al Mise, previsto per la mattina di martedì 19 ottobre, alla presenza del ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, e del ministro del Lavoro, Andrea Orlando.

La reazione del Mise

"Purtroppo le cose non sono andate come volevamo e, da parte di Whirlpool, abbiamo registrato una rigidità inamovibile", ha detto a fine riunione il ministro Giorgetti, non nascondendo ai giornalisti la propria irritazione per il fallimento del tavolo.

Garantisce, tuttavia, l'impegno del governo, affinché il progetto del consorzio per la reindustrializzazione del sito di Napoli "non si disperda e si concretizzi in tempi rapidi".
"Bisogna ricontattare i soggetti che hanno dato disponibilità in un ambito diverso, perché la disponibilità dell'azienda è venuta meno", ha dichiarato, secondo quanto riporta La Repubblica.

La reazione dei sindacati

"Whirlpool ieri ha scaricato i lavoratori e anche il governo con il suo comportamento irresponsabile, rifiutando qualunque proroga o mediazione e scegliendo, quindi, di non accompagnare le lavoratrici e i lavoratori verso la soluzione che il governo sta costruendo", questo il commento dei rappresentanti dei lavoratori, che arriva con una nota congiunta firmata da Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil e responsabile elettrodomestico, e Rosario Rappa, segretario generale Fiom-Cgil Napoli.
"Abbiamo tempo fino a venerdì 22 ottobre", scrive Fiom, sottolineando che occorre intervenire sulla proprietà americana. "Pensiamo si debba e si possa fare", si legge nel comunicato inviato alla redazione di Sputnik Italia.

"Nel frattempo, la lotta continua. Domani ci sarà l’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori nello stabilimento di via Argine, per decidere le prossime iniziative”, promette il sindacato dei metalmeccanici.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала