Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Trieste: i portuali minacciano di bloccare il porto in seguito all’entrata in vigore del Green Pass

Seguici su
Alcuni lavoratori del porto di Trieste hanno minacciato di bloccare il molo della città venerdì, in seguito all’entrata in vigore della legge sul Green Pass obbligatorio per i lavoratori.
Quest’oggi scatta l’obbligo di presentazione del Green Pass nei luoghi di lavoro e i portuali avevano minacciato di bloccare il porto di Trieste e anche altri porti.
“Abbiamo indetto questa protesta contro il Green Pass per poter venire a lavorare. Noi troviamo che il Green Pass sia uno strimento illegittimo, uno strumento scorretto. Non deve essere un’obbligo per lavoratori, perché è una discriminazione”, ha affermato un lavoratore del porto di Trieste, Omar Ervatich, parlando della decisione dei portuali di dichiarare lo sciopero.
Secondo l'Autorità di Garanzia, le proteste non sono autorizzate, ma i promotori dello sciopero dichiarano invece che la manovra è legittima.
“Chiediamo la possibilità di posticipazione di questo decreto almeno al 30 di Ottobre, in modo tale che possiamo metterci sul tavolo e vedere che si può fare”, ha detto presidente del Clpt (Coordinamento Lavoratori Portuali Trieste), Sebastiano Grison.
Trieste - Sputnik Italia, 1920, 15.10.2021
Trieste: oggi picchetto dei portuali contro il green pass obbligatorio, proteste anche a Genova
La protesta al porto di Trieste si svolge presso l’ingresso del Molo 7. Il prefetto di Trieste non ha autorizzato la manifestazione e l’Autorità di Garanzia aveva avvertito che chi sciopera nonostante il divieto, avrebbe commesso reato.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала