Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

I muscoli umani si riparano da soli, anche senza le staminali: la scoperta

© Foto : PixabayCellule, rappresentazione artistica
Cellule, rappresentazione artistica - Sputnik Italia, 1920, 15.10.2021
Seguici su
Come si riparano i muscoli lesionati? Fino a poco tempo fa la scienza medica credeva che si attivassero le cosiddette cellule bambine, quelle considerate il “simbolo” della medicina rigenerativa.
Ed invece: sorpresa. Quando un muscolo si lesiona sono le cellule adulte che si trovano nei pressi della lesione ad attivarsi e a tentare la rigenerazione del tessuto muscolare lesionato.
A fare la scoperta un gruppo di ricercatori dell’Università Pompeu Fabra, Spagna, guidato da William Roman. Nel gruppo di ricerca c’è anche un italiano, Antonio Serrano. E la ricerca è stata pubblicata su Science.

Come funziona il meccanismo

I ricercatori hanno scoperto parte del processo di rigenerazione, perché alcuni aspetti restano ancora oscuri. Tuttavia si è appreso che quando una porzione di muscolo si danneggia, si attiva una cascata di reazioni chimiche e di segnali molecolari che allertano le molecole adulte più vicine alla lesione, le quali si mettono in moto attivando alcune proteine al loro interno, tra cui la dineina, e così raggiungono il punto da riparare.
Le cellule muscolari, quindi, si muovono effettivamente come dei tecnici che devono raggiungere il punto in cui la rete elettrica si è danneggiata. A quel punto le cellule muscolari avviano la produzione la molecola di Rna messaggero (mRna) che contiene le istruzioni necessarie a riparare la lesione muscolare.
Il meccanismo si attiva, ovviamente, quando c’è da riparare un danno minore ma per i ricercatori è una scoperta molto importante perché permette di capire il meccanismo di autoriparazione dei muscoli umani.
Per la medicina autorigenerativa è un ulteriore passo avanti verso la comprensione di meccanismi che un giorno potrebbero condurci alla scoperta di farmaci in grado di indurre la riparazione di lesioni muscolari ben più gravi o di abbreviare i tempi di ripresa a seguito di lesione muscolare.

Importante scoperta per forme di distrofia

Secondo il professore Giuseppe Novelli dell’Università di Tor Vergata, contattato dall’Ansa, la conoscenza di questo meccanismo potrebbe portare un giorno a meglio comprendere come riparare i muscoli di chi è affetto da alcune forme di distrofia muscolare.
“Ci sono malattie neuromuscolari e atrofie che non rispondono alle terapie basate sulle cellule staminali e ora cominciamo a capire perché”. Come dire stavamo battendo alla porta sbagliata, per stimolare la rigenerazione muscolare non bisogna mettersi in contatto con le cellule bambine ma con le cellule muscolari adulte, sono loro i “tecnici” addetti alle riparazioni.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала