Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Green pass, a rischio porti e trasporto su gomma: "No ai blocchi solo se slitta l'obbligo"

© Foto : Wikipedia/TiesseIl porto nuovo di Trieste
Il porto nuovo di Trieste - Sputnik Italia, 1920, 14.10.2021
Seguici su
I lavoratori del porto di Trieste confermano lo sciopero di venerdì: "L’unica condizione per revocare lo sciopero di domani è far slittare l'entrata in vigore dell'obbligo". Rischio caos anche nel settore del trasporto su gomma.
L’obbligo di green pass per i lavoratori rischia di paralizzare il Paese. Almeno nella giornata di venerdì, quella in cui le nuove regole entreranno in vigore. A minacciare scioperi e blocchi sono i portuali e gli autotrasportatori, mentre sui canali Telegram fervono i preparativi per una nuova mobilitazione di piazza attesa nella Capitale.
Si preannuncia, insomma, un venerdì di passione. I portuali triestini tirano dritto nonostante le aperture del Viminale, che nei giorni scorsi aveva ceduto sulla possibilità che i tamponi ai lavoratori no-vax, il 40 per cento di quelli impiegati nello scalo, fossero offerti dalle aziende.
"Perché solo ai lavoratori portuali? Gli altri lavoratori valgono di meno? In ogni caso verrebbe pagato solo da alcune aziende, altre non pagherebbero. Quindi è una situazione fuori da qualsiasi norma. Si crea discriminazione nella discriminazione”, è stata la replica di Alessandro Volk, del Coordinamento lavoratori portuali Trieste, intervistato dall’Ansa.
“La cosa più semplice e intelligente è ritirare questo decreto", ha chiarito. È questa, ha detto alla stessa agenzia di stampa, l’unica condizione per revocare lo sciopero di domani.
Porto di Genova - Sputnik Italia, 1920, 13.10.2021
Green pass, dilaga la protesta: dai portuali agli autisti dei tir ora si rischia il caos
“Se ad esempio il Governo proponesse una proroga al 30 ottobre sarebbe una mossa intelligente da parte del Governo per prendere un po' di tempo e trovare poi una soluzione", spiega. Tra quelle che potrebbero soddisfare i portuali, c’è quella del tampone gratuito per tutti i lavoratori.
L'ipotesi della proroga, per ora, non sembra essere in campo. Il governo è determinato ad andare avanti, anche se bisognerà valutare nei prossimi giorni se l’introduzione dell’obbligo del green pass per i lavoratori avrà l’effetto di dare una spinta in avanti alla campagna vaccinale, o si tradurrà nell’aumento delle richieste per i tamponi. In quest’ultimo caso, il dubbio è se il sistema possa reggere l’impatto della domanda.
Intanto, i 950 portuali triestini senza green pass confermano il blocco del porto. A Genova, sempre secondo l’Ansa, i no-pass sono a quota 20 per cento e si stanno mobilitando anche i Tir. Per ora qui si è raggiunto un accordo per effettuare il tampone a prezzi calmierati. Ma i sindacati lanciano l’allarme.

Sul fronte dei trasporti, dicono, è il 30 per cento degli autisti a non essere vaccinato. E la defezione dei dipendenti che non potranno più lavorare potrebbe avere un impatto di oltre 70 milioni di euro al giorno sulle imprese secondo Trasportounito.

Il segretario dell’organizzazione, Maurizio Longo, sentito dall’Ansa, parla di circa 80mila conducenti che "mancheranno all'appello”. Si rischiano “ritardi delle consegne, circa 320mila ore al giorno in più rispetto allo standard giornaliero".
Milano, manifestazione contro il Green Pass - Sputnik Italia, 1920, 14.10.2021
Dai No-Pass agli antifascisti: Roma blindata per le manifestazioni del fine settimana

Poi c’è il nodo della concorrenza straniera. Gli autisti non italiani non sono tenuti ad avere il pass, a differenza di quelli italiani. Per questo, dicono le organizzazioni di categoria, “stiamo valutando di invitare le imprese a fermare i camion”.

A Palazzo Chigi, però, c’è aria di tranquillità. Fonti interpellate dalla stessa agenzia di stampa dicono di non aspettarsi particolari problemi.
Ad incrociare le braccia, però, saranno anche gli operai, come quelli dell’Elettrolux, dove i dipendenti no-pass sono il 23 per cento.
Un numero analogo a quello, ad esempio, dei lavoratori non vaccinati di Atac, la municipalizzata dei trasporti capitolina. Abbastanza, secondo il sindacato Orsa, per mandare in tilt il trasporto pubblico locale.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала