Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

USA, approvato l'aumento del tetto del debito a 480 miliardi

© Sputnik . Igor Mikhalev / Vai alla galleria fotograficaIl congresso degli USA
Il congresso degli USA - Sputnik Italia, 1920, 13.10.2021
Seguici su
Il rischio di default si allonta per il momento dalle coste americane. Impegni e oneri finanziari saranno coperti almeno fino al 3 dicembre, grazie alla manovra appena approvata.
Nelle settimane precedenti, una vera e propria guerra aveva interessato l'amministrazione di Joe Biden: una guerra sul fronte interno. Ed economico. Si era paventato all'orizzonte degli americani il rischio niente meno che di default.
A capo dello schieramento, a non voler far passare la mozione di alzare il tetto del debito, mozione appoggiata dal presidente Biden, vi era stato il senatore Mitch McConnell, insieme all'ala repubblicana del Senato.
Il primo ottobre di ogni anno il Congresso deve approvare le previsioni di spesa dello stato.
Biden aveva fatto un discorso dai toni davvero accesi ai propri senatori ed aveva denunciato, inoltre, l'ostruzione dei repubblicani alla manovra che prevedeva l'aumento del tetto del debito, aumento necessario a coprire le spese dell'amministrazione fino al 3 dicembre.
Dopo le accese discussioni, la manovra era passata.
Ora anche la Camera USA, dopo il Senato, ha dato l'ok alla manovra, portando in cassa altri 480 miliardi e toccando quota 28.900 miliardi.

Il dipartimento del Tesoro si dichiara soddisfatto dei risultati raggiunti. Grazie a tale somma, infatti, gli Stati Uniti potranno ripagare i debiti, almeno fino al 3 dicembre.

Sarà lo stesso presidente Biden a dover apporre la firma sul documento, entro il 18 ottobre, data ultima al di là della quale si rischierebbe invece seriamente di fare default, travolti dal debito enorme delle casse statali.
Allo scadere di questo periodo, però, il paese si troverà nuovamente ad affrontare il problema, ed è anche possibile che si metta in atto la stessa strategia usata nel 2011, quando alla fine venne approvato un 'Budget Control Act', misura che prevedeva un aumento in tre atti. Anche nel 2011 vi erano stati ostruzionismo e resistenze.
Dopo mesi di scontri accesi tra democratici e repubblicani, è passata quindi la manovra, che non autorizza nuove spese, ma dà al governo la possibilità di onorare gli impegni finanziari, compresi gli interessi sul debito, ed il pagamento di pensioni e dell'assistenza sanitaria alle persone appartenenti alle fasce di popolazione più deboli.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала