Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Digitale terrestre: dal 20 ottobre Canali Rai e Mediaset solo in HD, ecco chi riuscirà a vederli

© Sputnik . Stringer / Vai alla galleria fotograficaTelevisore
Televisore - Sputnik Italia, 1920, 13.10.2021
Seguici su
Dopo vari rinvii, dal 20 ottobre parte per davvero la migrazione verso il nuovo digitale terrestre, tuttavia, a dispetto della pressione commerciale fatta negli ultimi mesi con il sostegno del bonus TV dello Stato, in questa prima fase non tutti saranno costretti a cambiare televisione.
Vediamo quindi cosa cambia e chi dovrà effettivamente cambiare televisione e quando.
Come accennato, il passaggio al nuovo digitale terrestre avviene in due tappe.
Nella prima tappa, Rai e Mediaset passeranno alcuni canali televisivi in HD e spegneranno gli omologhi fino a ora diffusi attraverso segnale digitale non HD.
I canali Rai che faranno il passaggio sono: Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai YoYo, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola.
I canali Mediaset che faranno il passaggio sono: TgCom24, Mediaset Italia 2, Boing Plus, Radio 105, R101 TV e Virgin Radio TV.
I canali quali Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rete 4, Canale 5 e Italia 1 non faranno il passaggio, perché per loro già esiste da anni il canale in versione HD.
In questa fase, quindi, bisogna assicurarsi che il proprio televisore sia semplicemente un televisore HD. Questo significa che anche una smart TV del 2012 sarà in grado di continuare a vedere i canali sopra elencati, appunto perché semplicemente passeranno tutti in alta definizione e ne guadagneremo in qualità delle immagini.
Chi non ha uno smart TV o chi ha una televisione con la dicitura HD Ready, dovrà invece dotarsi di un apposito decoder capace di continuare a leggere la decodifica dei canali televisivi o sostituire il televisore con uno di recente concezione tecnologica.

Il passaggio dal DVB-T al DVB-T2

Il vero cambiamento avverrà soltanto a partire da gennaio 2023, quando si passerà dall’attuale segnale DVB-T al segnale DVB-T2. Con questo passaggio, cambieranno del tutto le frequenze di trasmissione dei canali TV e a quel punto solo uno smart TV compatibile con il DVB-T2 o un decoder compatibile con il DVB-T2 ci potrà consentire di continuare a vedere i canali televisivi del digitale terrestre.
Stessa sorte toccherà anche ai canali radio trasmessi attraverso il digitale terrestre.
A partire dal gennaio 2013, quindi, anche smart TV HD del 2012 potrebbero non essere compatibili con il DVB-T2 e si sarà costretti alla sostituzione o all’acquisto di un decoder esterno.
I possessori di smart TV con qualche anno di vita, possono verificare sin da ora se il loro televisore è già pronto per il DVB-T2, basta sintonizzarsi sul canale 100 o sul 200. Se vedete la dicitura “Test HEVC Main 10”, significa che il televisore è compatibile e non dovrete preoccuparvi di nulla.

Per tutti: risintonizzazione dei canali

Il 20 ottobre tutti, ma proprio tutti, dovranno risintonizzare il proprio televisore per recepire il passaggio dei canali dalla versione a bassa qualità all’alta definizione (HD).
Quindi, se non si dovessero vedere i canali anche se si ha un televisore acquistato da pochi anni, niente paura, basterà fare una scansione automatica dei canali.

Perché il passaggio dal DVB-T al DVB-T2?

Le frequenze ora occupate dal digitale terrestre DVB-T devono essere liberate per permettere la piena operatività del 5G, a cui le attuali frequenze di trasmissione saranno destinate.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала