Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scoperta sensazionale in Israele: trovata la più grande azienda vinicola dell'era bizantina

Seguici su
Recenti scavi nell’area archeologica di Yavneh, nel distretto centrale di Israele, hanno portato alla luce un enorme complesso di matrice industriale, risalente a migliaia di anni fa, in cui si produceva vino.
© AP Photo / Tsafrir Abayov

Israele è un Paese che dalla sua terra continua a far emergere tesori di inestimabile valore.

Israele è un Paese che dalla sua terra continua a far emergere tesori di inestimabile valore. - Sputnik Italia
1/10

Israele è un Paese che dalla sua terra continua a far emergere tesori di inestimabile valore.

© REUTERS / Nir Elias

Nel quadro di scavi condotti attorno a Yavne, città in espasione del sud del Paese, gli archeologi hanno infatti scovato, nel corso degli ultimi due anni, un vasto sito di produzione vinicola di 1.500 anni fa.

Nel quadro di scavi condotti attorno a Yavne, città in espasione del sud del Paese, gli archeologi hanno infatti scovato, nel corso degli ultimi due anni, un vasto sito di produzione vinicola di 1.500 anni fa. - Sputnik Italia
2/10

Nel quadro di scavi condotti attorno a Yavne, città in espasione del sud del Paese, gli archeologi hanno infatti scovato, nel corso degli ultimi due anni, un vasto sito di produzione vinicola di 1.500 anni fa.

© AP Photo / Tsafrir Abayov

E non si tratta di una qualunque struttura, ma probabilmente della più grande cantina in attività in epoca bizantina.

E non si tratta di una qualunque struttura, ma probabilmente della più grande cantina in attività in epoca bizantina. - Sputnik Italia
3/10

E non si tratta di una qualunque struttura, ma probabilmente della più grande cantina in attività in epoca bizantina.

© AP Photo / Tsafrir Abayov

I ricercatori dell'Autorità nazionale per l'archeologia credono che si tratti del complesso proto-industriale che produceva ed esportava il cosiddetto Vino di Gaza, ben noto presso le popolazioni dell’Asia Minore.

I ricercatori dell'Autorità nazionale per l'archeologia credono che si tratti del complesso proto-industriale che produceva ed esportava il cosiddetto Vino di Gaza, ben noto presso le popolazioni dell’Asia Minore. - Sputnik Italia
4/10

I ricercatori dell'Autorità nazionale per l'archeologia credono che si tratti del complesso proto-industriale che produceva ed esportava il cosiddetto Vino di Gaza, ben noto presso le popolazioni dell’Asia Minore.

© AP Photo / Tsafrir Abayov

La squadra di esperti, guidati dall'Autorità nazionale per l'archeologia, ha scoperto 5 vasche per la pigiatura da 225 metri quadri, due grandi tini ottagonali per il mosto e quattro forni adibiti alla 'cottura' dell'argilla, lavorata in modo che assumesse la particolare forma allungata di quelle che sono state già battezzate 'giare di Gaza', nelle quali il vino veniva fatto invecchiare.

La squadra di esperti, guidati dall'Autorità nazionale per l'archeologia, ha scoperto 5 vasche per la pigiatura da 225 metri quadri, due grandi tini ottagonali per il mosto e quattro forni adibiti alla 'cottura' dell'argilla, lavorata in modo che assumesse la particolare forma allungata di quelle che sono state già battezzate 'giare di Gaza', nelle quali il vino veniva fatto invecchiare. - Sputnik Italia
5/10

La squadra di esperti, guidati dall'Autorità nazionale per l'archeologia, ha scoperto 5 vasche per la pigiatura da 225 metri quadri, due grandi tini ottagonali per il mosto e quattro forni adibiti alla 'cottura' dell'argilla, lavorata in modo che assumesse la particolare forma allungata di quelle che sono state già battezzate 'giare di Gaza', nelle quali il vino veniva fatto invecchiare.

© AP Photo / Tsafrir Abayov

Fra le rovine sono stati recuperati centinaia di migliaia di frammenti, fra cui giare in terracotta, alcune delle quali ancora in buono stato.

Fra le rovine sono stati recuperati centinaia di migliaia di frammenti, fra cui giare in terracotta, alcune delle quali ancora in buono stato. - Sputnik Italia
6/10

Fra le rovine sono stati recuperati centinaia di migliaia di frammenti, fra cui giare in terracotta, alcune delle quali ancora in buono stato.

© REUTERS / Nir Elias

Complessivamente, a Yavne si producevano allora, manualmente, due milioni di litri di vino all'anno, che venivano anche esportati nel bacino mediterraneo grazie alla relativa vicinanza ai porti di Ashkelon e di Gaza.

Complessivamente, a Yavne si producevano allora, manualmente, due milioni di litri di vino all'anno, che venivano anche esportati nel bacino mediterraneo grazie alla relativa vicinanza ai porti di Ashkelon e di Gaza. - Sputnik Italia
7/10

Complessivamente, a Yavne si producevano allora, manualmente, due milioni di litri di vino all'anno, che venivano anche esportati nel bacino mediterraneo grazie alla relativa vicinanza ai porti di Ashkelon e di Gaza.

© REUTERS / Nir Elias

Il complesso di Yavne sarà 'conservato' e farà parte di un futuro parco archeologico accessibile al pubblico, hanno assicurato i vertici delle Antichità di Israele.

Il complesso di Yavne sarà 'conservato' e farà parte di un futuro parco archeologico accessibile al pubblico, hanno assicurato i vertici delle Antichità di Israele. - Sputnik Italia
8/10

Il complesso di Yavne sarà 'conservato' e farà parte di un futuro parco archeologico accessibile al pubblico, hanno assicurato i vertici delle Antichità di Israele.

© REUTERS / Nir Elias

Sono state rinvenute strutture per la produzione di vino un po’ ovunque nell’area medio orientale, fino al deserto del Negev, eppure quanto emerso a Yavneh, secondo gli studiosi, "era di tutt’altra entità".

Sono state rinvenute strutture per la produzione di vino un po’ ovunque nell’area medio orientale, fino al deserto del Negev, eppure quanto emerso a Yavneh, secondo gli studiosi, "era di tutt’altra entità". - Sputnik Italia
9/10

Sono state rinvenute strutture per la produzione di vino un po’ ovunque nell’area medio orientale, fino al deserto del Negev, eppure quanto emerso a Yavneh, secondo gli studiosi, "era di tutt’altra entità".

© REUTERS / Nir Elias

In epoca bizantina, molti pellegrini visitavano la Terra Santa ed avevano la possibilità di conoscere il famoso vino di Gaza, che non veniva prodotto a Gaza, ma che da lì veniva spedito verso le coste europee, e portarne la notizia nelle proprie terre.

In epoca bizantina, molti pellegrini visitavano la Terra Santa ed avevano la possibilità di conoscere il famoso vino di Gaza, che non veniva prodotto a Gaza, ma che da lì veniva spedito verso le coste europee, e portarne la notizia nelle proprie terre. - Sputnik Italia
10/10

In epoca bizantina, molti pellegrini visitavano la Terra Santa ed avevano la possibilità di conoscere il famoso vino di Gaza, che non veniva prodotto a Gaza, ma che da lì veniva spedito verso le coste europee, e portarne la notizia nelle proprie terre.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала