Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Petroliera fantasma con 1,1 mln barili di petrolio alla deriva da 6 anni: una bomba ecologica

© Sputnik . Marco TeruggiLa petroliera iraniana Fortune alla raffineria El Palito, in Venezuela
La petroliera iraniana Fortune alla raffineria El Palito, in Venezuela - Sputnik Italia, 1920, 12.10.2021
Seguici su
Si chiama petroliera FSO Safer e dal 2015 è alla deriva nel Mar Rosso a poche miglia dalla costa dello Yemen. A bordo 1,1 milioni di barili di petrolio, ovvero 4 volte la quantità di petrolio che la petroliera Exxon Valdez rilasciò davanti le coste dell’Alaska nel 1989.
Secondo gli analisti che la monitorano, se lo scafo dovesse cedere e i barili versare il loro contenuto in mare assisteremmo al disastro ambientale del secolo. In una sola settimana il petrolio riversato in mare raggiungerebbe le coste dell’Arabia Saudita, dell’Eritrea e di Gibuti.
Le coste dello Yemen, invece, sarebbero ricoperte di petrolio e la fauna del Mar Rosso uccisa nel giro di tre settimane.
La petroliera, a causa di un guasto “irreparabile” è stata abbandonata in mare per l’impossibilità di poterla trasportare. A bordo sono però stata lasciati inspiegabilmente la grande quantità di petrolio in balia degli eventi.
Dopo un sopralluogo del luglio 2020 è stato appurato che lo scafo della petroliera è in pessimo stato e la corrosione causata dal sale marino potrebbe potare all’affondamento dell’imbarcazione. Già la sala macchine risulta invasa dall’acqua per le infiltrazioni attraverso lo scafo corroso.
Se dovesse affondare la pressione dell’acqua potrebbe fare implodere le cisterne che contengono il petrolio. Nel caso i gas si dovessero accumulare nelle stive della petroliera potrebbe verificarsi un incendio ed esplosioni che non sarebbero facilmente controllabili.
Ed ancora, la zona è controllata dai pirati Houthi e questo complica le cose, perché se dovessero salire a bordo e compiere operazioni incaute potrebbero causare un incendio doloso o compromettere rapidamente il galleggiamento della petroliera FSO Safer.
Il The Guardian, che ha acceso il faro su una storia dimenticata e inghiottita dai flutti della negligenza, fa anche presente che lungo le coste dei paesi che si affacciano sul Mar Rosso ci sono desalinizzatori che portano acqua potabile a 8 milioni di persone.
Se la petroliera FSO Safer dovesse riversare il suo carico di petrolio in mare, 8 milioni di persone non avranno più accesso all’acqua potabile per bere.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала