Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ok del G20 del Commercio per la riforma del Wto. Di Maio: "Non era scontato e restano divisioni"

© FotoLa foto di famiglia del G20 del Commercio a Sorrento
La foto di famiglia del G20 del Commercio a Sorrento - Sputnik Italia, 1920, 12.10.2021
Seguici su
Permangono le distanze sui sussidi statali, sui brevetti per i vaccini e sugli aiuti per la pesca. Per il ministro degli Esteri è un punto di partenza per lavorare.
Si conclude con un’intesa anche se non piena su molti dei punti all’ordine del giorno del G20 del Commercio di Sorrento, sotto la presidenza italiana. È il ministro degli Esteri Luigi Di Maio che ne dà notizia, parlando dell’approvazione della Dichiarazione di Sorrento in cui ci sono le basi per la riforma dell’Organizzazione mondiale del Commercio (Wto) e sulla necessità di rilanciare il multilateralismo nel commercio internazionale.
"Sono felice di informarvi che abbiamo approvato la dichiarazione di Sorrento. Il messaggio è chiaro: il commercio deve assicurare un futuro migliore per le persone, proteggere il pianeta e garantire la prosperità per tutti", ha detto Di Maio.
Il ministro, però, non ha nascosto che si è trattato di un dialogo serrato in cui permangono delle differenze, “ma non me la sento di parlarne”, perché “abbiamo approvato la Dichiarazione e non era scontato”, ha detto nel corso della conferenza stampa.
Dalla Dichiarazione partirà il lavoro per “avviare il processo di riforma del Wto, per rimettere in piena operatività l'Organizzazione mondiale del Commercio” e per superare la paralisi che caratterizza in particolare l’organo che dirime le controversie internazionali, bloccato dagli Stati uniti in segno di protesta contro l’atteggiamento giudicato troppo morbido del Wto nei confronti della Cina.

Trasparenza ed equità

Il ministro degli Esteri ha sottolineato che uno dei punti di partenza per un commercio più equo è la trasparenza e “regole del gioco uguali per tutti, è un principio importante, a livello multilaterale".
Nel corso del G20 di Sorrento si è discusso anche di pesca, su cui si attende un accordo nelle prossime settimane, di vaccini, su cui di discute ancora, in particolare sulla sospensione dei brevetti, un tema ancora aperto, e sui sussidi di stato, su cui permangono “tensioni”, ha ricordato Di Maio.
Il ministro ha chiuso con una nota di colore su Sorrento e la bellezza della location, sottolineando che molti dei presenti alla riunione hanno detto che “torneranno”.
Женщина раздает хлеб нуждающимся детям перед пекарней в Кабуле - Sputnik Italia, 1920, 12.10.2021
La situazione in Afghanistan
Draghi: G20 concorde, situazione umanitaria grave in Afghanistan

I punti principali della Dichiarazione

Nel testo della Dichiarazione di Sorrento, composto da 29 articoli, si ricordano i punti principali della discussione della plenaria, divisa in due sessioni con sei argomenti: commercio e salute, commercio e sostenibilità ambientale, servizi e investimenti, partecipazione delle micro, piccole e medie imprese al commercio mondiale, sostegno governativo e riforma dell'Organizzazione Mondiale del Commercio.
Nella Dichiarazione i membri del G20 si impegnano “a lavorare in modo attivo e costruttivo con tutti i membri dell'Wto per intraprendere la necessaria riforma dell'Organizzazione” con un “approccio inclusivo e trasparente”.
I ministri del Commercio del G20 sottolineano "l'importanza della concorrenza leale" e riconoscono l'importanza di "ridurre le tensioni commerciali” per lavorare contro le distorsioni.
I ministri riconoscono “l'importanza della trasparenza negli aiuti di stato" e del "rispetto degli obblighi di trasparenza" da parte dei membri dell'Organizzazione mondiale del Commercio.
I ministri sostegnono i “negoziati in corso sui sussidi alla pesca per raggiungere un accordo significativo entro la 12esima conferenza ministeriale del Wto”.
Il G20 di Sorrento riconosce “l'importanza di fornire un sostegno adeguato ai Paesi in via di sviluppo e meno sviluppati al fine di aiutare la loro transizione nazionale verso uno sviluppo efficiente”.
Il G20 si impegna a lavorare sugli aspetti commerciali legati ai “diritti di proprietà intellettuale” dei vaccini e “agli sforzi internazionali per espandere la produzione e la consegna di vaccini”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала