Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La pandemia affossa Biden: sempre meno americani si fidano di lui

© REUTERS / Eduardo MunozJoe Biden alla 76° sessione annuale dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite
Joe Biden alla 76° sessione annuale dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite - Sputnik Italia, 1920, 12.10.2021
Seguici su
È quanto rivela un sondaggio realizzato nei giorni scorsi negli Stati Uniti da Axios-Ipsos: solo il 44 per cento dichiara di avere fiducia nel capo della Casa Bianca, rispetto al 65 di quattro mesi fa.
Eletto anche grazie alla promessa di un cambio di rotta sulla gestione della pandemia rispetto al predecessore Donald Trump, oggi il presidente americano Joe Biden sembra non riuscire a tener fede alla parola data e deve misurarsi con un calo del consenso, connesso proprio alle politiche messe in campo per contrastare l’avanzata del virus.
A confermarlo è un sondaggio realizzato nei giorni scorsi negli Stati Uniti da Axios-Ipsos, su circa mille intervistati. Solo il 44 per cento, rispetto al 65 di quattro mesi fa, dichiara di avere fiducia nel capo della Casa Bianca.
La percentuale cala anche fra gli elettori democratici: a giugno era l’88 per cento, oggi l’81. Il gruppo di coloro che, tra i democratici, riponevano una “grande quantità” di fiducia nel presidente è sceso invece dal 45 al 33 per cento.
Cala, in generale, anche l’ottimismo per i prossimi mesi. Lo scorso giugno, come si legge sul Messaggero, che pubblica i risultati dell’analisi, il 36 per cento degli intervistati si aspettava un ritorno alla normalità entro l’inizio del 2022. Oggi solo il 13 per cento è convinto che questa prospettiva si realizzerà. Al contrario, sono passati dal 9 al 30 per cento quelli che invece pensano che ci vorrà un altro anno per un ritorno ai livelli pre-Covid.
Президент США Дональд Трамп - Sputnik Italia, 1920, 10.10.2021
Trump torna all'attacco contro Biden: "Usa sul baratro, vinceremo le elezioni di Midterm"
Un malcontento che avvantaggia i Repubblicani e i sostenitori dell’ex presidente Donald Trump, che con una serie di comizi in diversi Stati del Paese ha di fatto già rilanciato la sua corsa alla Casa Bianca, puntando il dito contro l’operato dell'amministrazione Biden.
Ma sono anche i cittadini europei, secondo un sondaggio realizzato da Euroskopia lo scorso luglio, a bocciare i propri leader sulla lotta al Covid. Gli unici a raggiungere la sufficienza, infatti, erano stati Angela Merkel, Mario Draghi e la presidente della Commissione Ue, Ursula Von Der Leyen.
Tutti gli altri erano sotto il 6, a partire da Emmanuel Macron. Ad essere considerato insufficiente era stato anche l’operato dell’allora cancelliere austriaco, Sebastian Kurz, del premier polacco Mateusz Morawiecki e di quello spagnolo, Pedro Sánchez, che aveva ottenuto il risultato peggiore, con il 5,27 assegnato dai cittadini europei e il 4,26 dagli spagnoli.
Come lui si classificava il premier britannico Boris Johnson, mentre il voto peggiore in assoluto era stato quello assegnato dai cittadini europei al presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, ultimo in classifica con 3,26.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала