Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Green Pass, ecco dove non serve dal 15 ottobre

© Foto : Marco Minna - © Agenzia NovaLa sindaca Virginia Raggi inaugura il Corridoio Laurentino, ovvero il tratto di corsia preferenziale per autobus su via Laurentina
La sindaca Virginia Raggi inaugura il Corridoio Laurentino, ovvero il tratto di corsia preferenziale per autobus su via Laurentina - Sputnik Italia, 1920, 12.10.2021
Seguici su
Come sappiamo dal 15 ottobre scatta l’obbligo di presentare il green pass anche sui luoghi di lavoro, sia che si lavori nelle pubbliche amministrazioni o in imprese private, il certificato è obbligatorio per legge.
Tuttavia, dal 15 ottobre non tutti i luoghi sociali richiederanno la presentazione del green pass. Vediamo quindi dove non è necessario presentare il green pass.

Dove non è obbligatorio presentare il green pass dal 15 ottobre

Il green pass non è obbligatorio sui mezzi di trasporto pubblico cittadini ed extra urbani, tra questi:
treni regionali;
autobus cittadini;
tram.
Non è obbligatorio presentare il green pass quando si entra nelle seguenti attività commerciali:
supermercato;
centro commerciale;
farmacia;
negozi di tutte le categorie merceologiche.
Per quanto riguarda i viaggi in Italia, il green pass non è obbligatorio nei luoghi di pernottamento come:
alberghi;
agriturismi;
B&B;
case di villeggiatura.
Nell’ambito dell’attività sportiva, non è richiesto il green pass quando si pratica sport all’aperto:
piscine all’aperto;
sport all’aperto (calcio, atletica leggera, ecc.).
Il green pass non è obbligatorio nelle aree all’aperto dei ristoranti e dei pub. Nelle scuole fino alle superiori, infine, gli studenti non sono tenuti a presentare il green pass.

Gli esentati dal green pass

Mentre la stragrande maggioranza della popolazione deve avere il green pass per svolgere molteplici attività (cinema, lavoro, stadio, ristorante al chiuso), una piccola percentuale ne è esentata per motivi di salute.
Sono persone che non possono ricevere il vaccino per svariate ragioni di salute. Tali persone devono richiedere al medico curante un certificato di esenzione, che andrà presentato come il green pass, lì dove quest’ultimo è obbligatorio.
Sono esentati, infine, i minori di 12 anni, per i quali non esiste ancora il vaccino e per i quali, comunque, il governo non ha approntato alcuna linea in tale senso.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала