Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Microsoft: hacker "collegati all'Iran" hanno preso di mira USA,UE, Israele e il settore marittimo

© Sputnik . Vladimir Trefilov / Vai alla galleria fotograficaMaschera di fronte a un programma hacher sullo schermo di un computer
Maschera di fronte a un programma hacher sullo schermo di un computer - Sputnik Italia, 1920, 12.10.2021
Seguici su
Secondo il gigante della tecnologia, tra i presunti obiettivi ci sarebbero le compagnie di trasporto marittimo globale che operano in Medio Oriente, regione che continua a essere altamente turbolenta.
Gli hacker, presumibilmente affiliati alla Repubblica islamica dell'Iran, hanno recentemente condotto "un'estesa diffusione di password" contro le società di tecnologia di difesa americane e israeliane che utilizzano software Microsoft, ha annunciato la società lunedì.
Microsoft ha identificato per la prima volta il gruppo di hacker, soprannominato 'DEV-0343', alla fine di luglio di quest'anno e, da allora, ha monitorato le sue attività. Sebbene il numero di utenti che sono stati colpiti dai presunti attacchi informatici non sia significativo, la società ha notato che gli hacker lavorano costantemente per "raffinare" le proprie competenze.

”[Il Centro Operativo contro le Minacce della Microsoft] ha osservato DEV-0343 condurre un'ampia campagna di diffusione delle password di 250 utenti di Microsoft Office 365, concentrandosi particolarmente sulle società di tecnologia di difesa statunitensi e israeliane, sui porti di ingresso del Golfo Persico o sulle società di trasporto marittimo globale con presenza commerciale in Medio Oriente", ha affermato la società in un post.

In particolare, tra gli obiettivi c'erano "società di difesa che supportano Stati Uniti, Unione Europea e partner del governo israeliano che producono radar di livello militare, tecnologia di droni, sistemi satellitari e sistemi di comunicazione di risposta alle emergenze", che hanno portato Microsoft ad affermare che vi sia Teheran dietro il sabotaggio.

"Questa attività probabilmente supporta gli interessi nazionali della Repubblica islamica dell'Iran, in base all'analisi del modello di vita, dell'ampio crossover nel targeting geografico e settoriale con attori iraniani e dell'allineamento di tecniche e obiettivi con altro attore originario dell'Iran", ha affermato Microsoft.

"Ottenere l'accesso a immagini satellitari commerciali e piani e ai registri di spedizione potrebbe aiutare l'Iran a compensare il suo programma satellitare in via di sviluppo", ha aggiunto la società.
Iran e Israele si sono ripetutamente accusati l'un l'altro di attacchi di sabotaggio, con una escalation della tensione tra i due stati dopo l'assassinio del fisico nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh. Teheran è convinta che dietro la sua morte ci sia l'agenzia di spionaggio del Mossad, ma il governo israeliano non ha né confermato né smentito il suo possibile coinvolgimento.
Tuttavia, Fakhrizadeh sarebbe stato un obiettivo a lungo termine del governo israeliano sotto l'ex primo ministro Benjamin Netanyahu, che credeva che lo scienziato fosse a capo di un'unità segreta all'interno dell'esercito iraniano, che presumibilmente lavorava per sviluppare armi nucleari.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала