Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Obesity day, i sovrappeso in Italia sono aumentati del 46% con la pandemia

© Sputnik . Petr ChernovHamburger del McDonald’s
Hamburger del McDonald’s - Sputnik Italia, 1920, 10.10.2021
Seguici su
Allarme della Coldiretti: con la pandemia sono aumentate le persone in sovrappeso. Colpa del lavoro da casa, del tempo passato davanti a tv e computer e della maggior sedentarietà forzata.
Il 46% degli italiani è aumentato di peso a causa del covid, per le nuove modalità e i notevoli cambiamenti che il virus ha portato nelle nostre vite: smart working, continui lockdown e restrizioni in genere, nonché la conseguente tendenza al mettersi ai fornelli, non fosse altro che per far passare un po' di tempo in modo lieto.
Questo è quello che emerge da una analisi di Coldiretti su dati Istat, e diffusa oggi in occasione dell'Obesity day, giornata mondiale inventata e promossa dall'ADI, Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica, per sensibilizzare le persone sull'importante tema della sana alimentazione.
Coldiretti evidenzia l'impatto che ha avuto la pandemia sulla bilancia degli italiani. Il fenomeno ha colpito soprattutto gli uomini, dove sono in eccesso di peso il 55% della popolazione, mentre la percentuale per le donne è del 37%.
Ad uscire peggio dall'analisi del sindacato di categoria, le regioni del Sud Italia, con percentuale che si attesta su un 50% di persone in sovrappeso, mentre il Nord è fermo ad un 43%, ed il Centro al 42%.

Meno sport per i giovani, il 40% è in sovrappeso

Se poi si diversifica per fasce di età, abbiamo un preoccupante 40% che interessa i giovani.
I ripetuti lockdown e le chiusure a più riprese delle scuole per oltre un anno hanno modificato lo stile di vita di bambini ed adolescenti, che non hanno potuto praticare attività sportive con costanza e continuità, come invece accadeva in epoca ante-pandemia.
Gli adulti, sottolinea Coldiretti, hanno "almeno potuto assorbire meglio i problemi causati dalla permanenza forzata tra le mura domestiche".

"Al contrario, bambini e adolescenti hanno subito tutti gli effetti negativi del blocco degli spostamenti – evidenzia Coldiretti -, con il risultato di aver consumato un pasto in più, spesso a base di cibi spazzatura e bibite gassate, ridotto il consumo di frutta e verdura, incrementato di ben 5 ore il tempo passato davanti allo schermo tra televisione, internet, videogiochi e didattica a distanza, secondo uno studio dell’Università di Buffalo in collaborazione con l’Università di Verona.

CC0 / Pixabay / Insalata di frutta e verdura
Insalata di frutta e verdura - Sputnik Italia, 1920, 10.10.2021
Insalata di frutta e verdura
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала