Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Lunedi nero per gli scioperi, l'11 ottobre si fermano treni, aerei e bus: le fasce garantite

© Foto : Agenzia Nova / Marco MinnaPresentazione dei nuovi treni per il trasporto regionale di FS nel Lazio
Presentazione dei nuovi treni per il trasporto regionale di FS nel Lazio - Sputnik Italia, 1920, 10.10.2021
Seguici su
Sciopero generale previsto per domani lunedì 11 ottobre per il comparto scuola, trasporti, ed uffici pubblici.
A partire dalle 21 di questa sera 10 ottobre rischio stop per aerei treni autobus e metropolitane, a cui si aggiungono scuole ed uffici pubblici in tutta Italia.
La protesta prevede fasce di garanzia per il trasporto pubblico.

I treni

Le Ferrovie hanno evidenziato che lo sciopero scatterà dalle 21 di domenica 10 ottobre e durerà fino alle 21 di lunedì 11 ottobre. Le Frecce e gli intercity Trenitalia circoleranno regolarmente.
Trenitalia si impegna ad assicurare la quasi totalità dei collegamenti, anche se paventa possibili modifiche di orario e programma ai treni, e fornisce la lista dei treni garantiti.
Anche Italo fornisce (qui) la lista dei garantiti.

Gli Aerei

Lo sciopero interesserà anche il trasporto aereo, come riporta l'Enac, con fasce di tutela dalle 7:00 alle 10:00 e dalle 18:00 alle 21:00, in cui i voli sono garantiti. Si consiglia di richiedere informazioni più dettagliate alle compagnie.

Trasporto pubblico locale

Garantiti i servizi essenziali dalle ore 6:00 alle 9:00 e dalle 18:00 alle 21:00.
Stop a Roma per Atac, Roma Tpl e Cotral. Mezzi fermi dalle 8:30 con ripresa tra le 17 e le 20.
A Milano fascia di garanzia tra le 6:00 e le 9:00 e tra le 18 e le 21.
A Napoli servizi garantiti tra le 5:30 e le 8:30 e in serata tra le 17 e le 20.

Le motivazioni - gli obiettivi

Tra le motivazioni e gli obiettivi indicati dai Cobas per gli scioperi che inizieranno ad interessare tutta l'Italia da questa sera vi sono:
la riduzione del tempo di lavoro a parità di salario, per contrastare la disoccupazione crescente dovuta all'informatizzazione e robotizzazione del lavoro;
contratto a tempo indeterminato come regola generale a base della prestazione lavorativa;
'innalzamento dei salari reali con riguardo all'inflazione ed al costo della vita;
parità di salario per le donne;
un salario minimo europeo di base;
il no allo sblocco dei licenziamenti;
il no alla sospensione del reddito per mancanza del green pass;
rivalutazione delle pensioni attuali;
la promozione di un reddito universale esteso anche ai migranti;
il rafforzamento dei sistemi di ispezione relativi alla sicurezza sul lavoro;
A Roma previsto un corteo che partirà da piazza della Repubblica alle ore 10.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала