Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'allarme di CGIA: 302 mila Partite Iva chiuse in un anno e mezzo per il Covid-19

© Sputnik . Evgeny UtkinUna donna in mascherina vicino a un negozio
Una donna in mascherina vicino a un negozio - Sputnik Italia, 1920, 09.10.2021
Seguici su
I lavoratori autonomi sono diminuiti del 5,8%, mentre i lavoratori dipendenti dello 0,5%.
Il mondo della Partite Iva ha pagato a duro prezzo la pandemia di Covid-19. Dal febbraio 2020 ci sono 302 mila lavoratori autonomi in meno. A lanciare l'allarme in una nota è l'Ufficio Studi della Cgia Mestre.
Mentre le Partite Iva si sono ridotte del 5,8%, i lavoratori dipendenti sono diminuiti di 89 mila unità, un calo pari allo 0,5%. In termini assoluti, i primi sono scesi sotto la soglia dei 5 milioni (precisamente 4.936.000), i secondi hanno toccato quota 17.847.000.
CGIA individua le cause della moria nell'effetto congiunto delle limitazioni imposte dalle misure anti-Covid, del crollo della domanda di beni di consumo e del boom dell'e-commerce, oltre ai tradizionali problemi che gravano sulle piccole e medie imprese, come il carico fiscale e burocratico.

"Da mesi la CGIA chiede sia al Premier Draghi che ai governatori di aprire un tavolo di crisi permanente a livello nazionale e locale", si legge nel comunicato, nel quale si specifica che le misure adottate sinora, come l'assegno universale per i figli e il reddito d'emergenza, non sono sufficienti.

Inoltre, ritiene che sia necessario coinvolgere il Ministero dell’Istruzione per portare più impresa nelle scuole.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала