Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

FT: ex manager Facebook Haugen si è a lungo preparata per denunciare le politiche del social network

© REUTERSFrances Haugen, ex product manager di Facebook
Frances Haugen, ex product manager di Facebook - Sputnik Italia, 1920, 09.10.2021
Seguici su
L'ex product manager della società Facebook Frances Haugen ha iniziato a prepararsi per fare la sua testimonianza molto in anticipo, gli specialisti hanno contribuito a creare la sua immagine.
Inoltre, la donna potrebbe ricevere una ricompensa per la sua testimonianza, se sarà avviata un'indagine e la società subirà una sanzione, scrive il giornale Financial Times.
Secondo quanto riferito dal giornale, alcune settimane prima del discorso, le persone che hanno lavorato con la Haugen hanno cercato di "perlustrare" potenziali sostenitori. L'ex dipendente della società prima ha passato i dati su alcuni aspetti del lavoro di Facebook al Wall Street Journal, che ha successivamente pubblicato una serie di articoli. In seguito, la Haugen ha rilasciato un'intervista al canale televisivo CBS, dove ha rivelato la sua identità e ha affermato che Facebook dà la priorità ai profitti, mettendo in secondo piano gli interessi degli utenti. Questa e altre dichiarazioni simili la Haugen ha rilasciato anche nel suo intervento al Senato degli Stati Uniti.
Con Haugen, scrive FT, ha lavorato uno specialista di pubbliche relazioni. In particolare, l'ha aiutata a capire come presentarsi in una luce più forte. Su sua raccomandazione, è stato creato il suo sito web personale.
Allo stesso tempo, le persone che conoscono la Haugen hanno affermato al giornale che la sua immagine - prima all'intervista a CBS e poi al Senato - non è stata "creata" appositamente. L'avvocato dell'ex dipendente di Facebook, John Tye, ha affermato che una gran parte di ciò che ha detto la Haugen "rientrava nell'ambito del suo lavoro".
Al contempo, il giornale ritiene che i travagli della Haugen siano solo all'inizio. Il fatto sta che i dirigenti di Facebook non hanno inequivocabilmente dichiarato quali misure intraprenderanno contro la donna e se intenteranno azioni legali. La preparazione "meticolosa" dell'ex manager potrebbe aiutarla a mitigare le conseguenze legali: su consiglio di un avvocato, ha presentato una denuncia alla Securities and Exchange Commission (SEC). In tal modo, la Haugen potrà avvalersi della protezione speciale per i "segnalatori di illeciti" dell'agenzia.
Inoltre, la Haugen potrebbe trarre profitto dall'indagine, se essa verrà condotta. In questi casi, l'agenzia spesso avvia indagini e emette sanzioni alle aziende, mentre la persona che ha segnalato le irregolarità può ricevere dal 10 al 30% dell'importo.
"Le ho sicuramente detto della ricompensa, ma non è stata parte della sua motivazione", ha affermato l'avvocato Tye.
Il legale ha affermato che dopo essersi licenziata, la Haugen viveva grazie ai soldi risparmiati.
La Haugen lavorava presso Facebook dal 2019: ha copiato di nascosto decine di migliaia di pagine di ricerche interne della società, sulla base delle quali il Wall Street Journal ha pubblicato diversi articoli. Nel maggio 2021, la Haugen si è licenziata da Facebook e a settembre ha presentato denunce anonime alle autorità federali, accusando il social network di ingannare le persone sui significativi progressi nella lotta contro l'odio, la violenza e la disinformazione su Internet.
L'app Facebook  - Sputnik Italia, 1920, 15.09.2021
WSJ: le modifiche all'algoritmo del feed di Facebook aumentano i contenuti negativi
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала