Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Summit UE-Balcani in Slovenia, Draghi annuncia: "Avanti tutta per il governo".

© Foto : Palazzo ChigiIl premier Draghi al telefono
Il premier Draghi al telefono - Sputnik Italia, 1920, 07.10.2021
Seguici su
Numerosi i temi affrontati al summit, dalla difesa europea all'adesione dei paesi balcanici all'Ue, passando per i rapporti con la Nato. Nella mattinata è atteso l'incontro bilaterale di Draghi con Macron.
Draghi annuncia al summit in corso in Slovenia che l'azione di governo procede.
"Il Governo va avanti", questo l'annuncio di Draghi, in risposta, nel corso della conferenza stampa al termine del vertice, ad una domanda su una eventuale cirsi di governo dopo gli attacchi e le critiche ricevuti da Matteo Salvini dei giorni scorsi.
A proposito del nodo che ha portato alle critiche da parte del Carroccio, Draghi ha risposto che la riforma del catasto paventata non "sarà una patrimoniale" e che il governo non intende tassare gli italiani, e non vi saranno aumenti.
La riforma del catasto sarebbe solo una operazione di "trasparenza".
Il modo per calcolare l'Imu alla data attuale, è di applicare alla "base imponibile l'aliquota fissata a seconda della categoria di immobile (A/C1, ecc.). Viene appicato un moltiplicatore che, per alcune determinate categorie di immobili, è pari a 160". Draghi sottolinea che il 160 "è il frutto di un negoziato(...) Non è meglio fare luce, essere trasparenti? E poi la decisione se far pagare o meno è una decisione assolutamente diversa, ma intanto facciamo chiarezza".

La Nato e la difesa europea

Affrontato nel corso dei lavori della commissione il tema della difesa comune europea, che indica anche, sottolinea Draghi, la necessità di una visione della politica estera comune in seno all'Unione Europea.
Sull'idea di una difesa comune, Draghi sottolinea che alle spalle di un tale progetto deve esservi prima una idea di politica estera comune, senza la quale non potrà concretizzarsi il progetto di difesa.
Dichiara poi che la Nato ha dato segnali molto forti, di un cambio di interessi verso altre zone del mondo, ed un disinteresse dal punto di vista geopolitico all'Europa.
Sulla Nato ha però aggiunto che tutti i Paesi presenti al vertice si trovano a partecipare al Patto Atlantico, e che intendono fermamente restarvi, ma allerta la platea, sottolineando il ruolo marginale che tali Paesi ultimamente rivestono nell'Alleanza, auspicando una centralità sul piano decisionale.
Gasdotto  - Sputnik Italia, 1920, 07.10.2021
Esperto sui prezzi del gas: si potrebbe arrivare anche oltre i $3.000 per 1.000 metri cubi

L'Energia

Draghi sottolinea la preoccupazione che interessa i Paesi UE, ma anche i Balcani, sul prezzo delle materie prime del comparto energia, auspicando soluzioni strutturali, e appoggiando l'idea di un consorzio comune europeo per il stoccaggio delle riserve di gas, questo per non farsi trovare impreparati di fronte ai picchi che hanno interessato i prezzi delle materie prime in vista dell'inverno.
Anche la Von der Leyen, parlando di energia, ha ribadito che il futuro per l'UE "è nelle rinnovabili, non nel gas", aggiungendo come indicato anche da Draghi che vi è un problema di stoccaggio da risolvere.
Intervenuta sul tema anche Angela Merkel, la quale, parlando del problema degli approvigionamenti del gas in Europa, ha riferito che il nord stream-2, il gasdotto di recente costruzione, è in attesa del processo di certificazione, quindi al momento non è ancora operativo, ma ha sottolineato che la Russia sta rispettanto i contratti.
Sui rapporti tra i Paesi Balcanici e l'UE si è ribadito al vertice un "inequivocabile sostegno alla prospettiva europea dei Balcani occidentali", nonché il suo "impegno per il processo di allargamento" da parte dell'UE, riporta Ansa.

L'allargamento ai Paesi balcanici dipenderà, però, si evince al vertice, da "progressi tangibili in materia di Stato di diritto e riforme socioeconomiche, nonché all'adesione dei partner ai valori, alle regole e agli standard europei", riporta sempre Ansa.

Non passa la proposta del Paese ospitante di porre una data limite alla adesione all'UE per i sei stati dei Balcani interessati all'adesione: Albania, Montenegro, Serbia, Macedonia del Nord, Bosnia- Erzegovina e Kosovo. La Slovenia aveva fatto dell'adesione una priorità del suo semestre alla presidenza del Consiglio UE.

"La regione dei Balcani occidentali ha un'importanza strategica per l'Unione Europea e il nostro desiderio è andare avanti con il processo di allargamento". ha poi dichiarato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, al vertice.

Incontro ricco di spunti quello affrontato dai rappresentanti dei sei Paesi balcanici e dall'Unione Europea.
Draghi si dichiara tranquillo sull'azione di governo, dichiarando appunto un "avanti tutta" per il suo operato. Atteso in mattinata l'incontro tra il premier italiano e Macron.
Intanto, per le strade di Lubiana si sono verificati scontri tra manifestanti e forze di polizia, riporta euronews.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала