Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Inchiesta Fratelli d'Italia: sotto indagine il 'barone nero' e l'europarlamentare Fidanza

© Foto : Fornita da Carlo FidanzaCarlo Fidanza
Carlo Fidanza - Sputnik Italia, 1920, 06.10.2021
Seguici su
Le accuse ipotizzate sono di finanziamento illecito ai partiti e riciclaggio, al via le perquisizioni della Guardia di Finanza. Fidanza si dichiara "Pronto a chiarire ogni aspetto".
Sotto il mirino degli inquirenti il cosiddetto 'barone nero' Roberto Jonghi Lavarini e l'europarlamentare Carlo Fidanza, europarlamentare di Fratelli d'Italia. L'indagine era partita da un video diffuso su Fanpage.
Un giornalista della testata giornalistica online si era finto, nel 2019, un importante uomo d'affari, iniziando a frequentare un gruppo dell'estrema destra milanese. Alla guida del gruppo vi era Roberto Jonghi Lavarini, altrimenti detto 'barone nero', già candidato in precedenza alla Camera per Fratelli d'Italia e condannato a due anni per apologia di fascismo.
Nell'incontro, filmato di nascosto dal giornalista, era emerso un meccanismo di "riciclaggio" dei finanziamenti illeciti al partito.
I due, Fidanza e Lavarini, sostenevano la campagna elettorale dell'avvocato Chiara Valpecina e chiedevano, in parole povere, finanziamenti al sedicente uomo d'affari (il giornalista). Il meccanismo per versare i finanziamenti a sostegno della candidatura era dei più semplici, si dovevano dare i soldi a due imprenditori, i quali avrebbero preso i soldi in nero e avrebbero fatto poi, a loro volta, i versamenti sul conto della Valcepina.

Il lessico usato dal 'barone nero' a proposito del riciclaggio del denaro, che indicava l'uso di "lavatrici", è già rimbalzato su tutti i giornali nei giorni a seguire l'inchiesta e ha già fatto storia.

Nello specifico, era stato spiegato dal politico, che ci si sarebbe dovuti appoggiare a quattro o cinque professionisti, "i quali avrebbero fatto a loro volta il versamento tracciato sul conto elettorale", riporta il quotidiano.

Fidanza spiega nel video che "vuole rimanere pulito" e che quindi la vicenda e il modo e i relativi sviluppi sarebbero dovuti essere seguiti dal Javarini.

Nel video si era parlato anche di un gruppo trasversale al partito, una sorta di cerchia interna, definita esoterica, in cui vi sarebbero diversi massoni, nonchè alcuni ammiratori di Hitler, con contatti che vanno da Fratelli d'Italia alla Lega a Forza Italia.
Giorgia Meloni  - Sputnik Italia, 1920, 03.10.2021
Caso Fidanza, Meloni a Formigli: "Accetterò l'invito quando Fanpage mi darà il video"
Ora i due, Lavarini e Fidanza, risultano, come era logico desumere, indagati dalla Procura di Milano per finanziamento illecito ai partiti e riciclaggio di denaro.
Fidanza ha subito dichiarato di non aver al momento ricevuto alcuna comunicazione ufficiale, di aver appreso del suo coinvolgimento nell'indagine dagli organi di stampa e di essere sereno e a disposizione della Procura per chiarire la vicenda.

A quanto ha affermato, sarebbe "A disposizione della procura per chiarire quanto prima".

Non risulta indagata invece Chiara Valpecina, la candidata di Fratelli d'Italia alle elezioni comunali, eletta poi consigliere comunale nel comune di Milano.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала